Italia markets close in 1 hour 26 minutes
  • FTSE MIB

    22.453,78
    +72,43 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    30.814,30
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,35
    -0,01 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    30.161,87
    +278,36 (+0,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    707,39
    -27,75 (-3,77%)
     
  • Oro

    1.832,80
    +2,90 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,2076
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,58
    +0,03 (+0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8896
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0757
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5413
    +0,0040 (+0,26%)
     

BCE conferma previsioni su crescita UE

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

Ieri il sentiment sugli asset rischiosi è tornato tutto sommato positivo, anche se gli indici di Borsa europei e americani non sono stati in grado di dare prova di grande ottimismo. Dopo diversi giorni di rialzo, il rendimento dei Titoli di Stato USA a 10 anni sia riuscito a discostarsi dai massimi a 10 mesi tornando verso la zona dell’1,11%. A favorire il ritorno agli acquisti dei bond a stelle e strisce sono state le parole di diversi esponenti della Federal Reserve, che hanno dichiarato che la ripartenza dell’economia USA attesa per il 2° trimestre 2021 non spingerà verso l’alto l’inflazione. Due ufficiali della FED hanno inoltre respinto le prospettive dell’avvio del tapering in tempi brevi. Restando in tema di Banche centrali è da segnalare come il membro del Consiglio della BCE Francois Villeroy abbia ribadito che l’istituto è pronto a mantenere la sua politica monetaria ultra accomodante per tutto il tempo necessario. In un suo discorso di ieri il Presidente della BCE Christine Lagarde ha confermato che le proiezioni economiche fatte a dicembre rimangono valide anche a dispetto del nuovo round di chiusure a causa Covid che sta sperimentando il Vecchio Continente. Per quanto concerne le materie prime è da evidenziare come continui la corsa del petrolio, che ha toccato i massimi da febbraio 2020. La commodity beneficia di diversi elementi come la decisione di tagliare la produzione dell’Arabia Saudita, l’indebolimento del biglietto verde e la flessione delle scorte statunitensi. Importante segnalare come oggi è attesa la presentazione del piano fiscale del Presidente eletto Joe Biden.

I MARKET MOVER

Nel Vecchio Continente, la mattinata inizierà con i dati sul PIL tedesco del 2020 che a causa dell’impatto del Covid-19 dovrebbe registrare una flessione del 5,1% rispetto al 2019. In Italia saranno da tenere sott’occhio le aste di titoli di Stato, con il collocamento dei BTP 3, 7 e 30 anni per l’Italia, mentre la BCE pubblicherà il verbale di politica monetaria relativo all’ultima riunione.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online