Italia markets open in 7 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.311,30
    +190,80 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    0,9799
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    20.363,54
    -352,49 (-1,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,11
    -7,01 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,82 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Bce deve normalizzare rapidamente i tassi - Knot

Il governatore della Banca d'Olanda Klaas Knot durante un meeting parlamentare a L'Aia

(Reuters) - La Banca centrale europea deve normalizzare rapidamente i tassi di interesse, poiché l'inflazione potrebbe ancora salire e i responsabili politici dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di anticipare i rialzi dei tassi, ha detto il governatore della banca centrale olandese Klaas Knot.

La Bce ha aumentato il tasso sui depositi di 50 punti base, portandolo a zero, a luglio, e fino a poco tempo fa si prevedeva una mossa simile per settembre, ma una serie di banchieri centrali, tra cui Knot, ha chiesto di discutere anche un aumento più consistente, di 75 punti base.

"Una rapida normalizzazione dei tassi d'interesse è una prima fase essenziale e non è da escludere una certa anticipazione", ha detto Knot in un discorso. "L'ampliamento e l'approfondimento del problema dell'inflazione rendono necessaria un'azione decisa".

L'inflazione, all'8,9%, è già più di quattro volte l'obiettivo del 2% della Bce e potrebbe superare il 10% nei prossimi mesi, con il rischio che anche le aspettative a più lungo termine salgano quando le imprese e le famiglie iniziano a dubitare della volontà o della capacità della Bce di controllare i prezzi.

Lo stesso Knot ha sostenuto che vi sono rischi al rialzo per l'inflazione, tra cui l'aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia, l'indebolimento dell'euro, l'abbondanza della spesa di bilancio e l'aumento delle aspettative.

Una recessione, sempre più considerata l'ipotesi di base data la perdita delle forniture di gas, peserebbe sulla pressione dei prezzi, ma Knot ha sostenuto che da sola non sarebbe sufficiente.

"Anche se questo rallentamento dovesse concretizzarsi, è improbabile che di per sé riporti l'inflazione entro il nostro obiettivo nel medio termine", ha affermato.

Pur non essendo sicuro del livello a cui dovrebbe concludersi il rialzo dei tassi, Knot ha sostenuto che la Bce dovrebbe continuare con gli incrementi fino a quando le prospettive dell'inflazione non torneranno ad essere coerenti con l'obiettivo simmetrico della Bce.

Nell'ambito della normalizzazione delle politiche, la banca dovrebbe anche prendere in considerazione la possibilità di ridurre il proprio bilancio dopo gli acquisti di obbligazioni per migliaia di miliardi di euro effettuati nell'ultimo decennio.

"La dimensione del bilancio della banca centrale è e deve diventare un elemento importante del processo di normalizzazione e mi aspetto che la questione dei reinvestimenti del programma di acquisto di attività (Asset purchase programme) sia più importante nelle nostre discussioni in un momento successivo dell'anno", ha detto Knot.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)