Italia markets open in 4 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    35.064,25
    +271,55 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    14.895,12
    +114,62 (+0,78%)
     
  • Nikkei 225

    27.744,24
    +16,14 (+0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1825
    -0,0013 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    34.093,77
    +623,65 (+1,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    992,84
    +16,95 (+1,74%)
     
  • HANG SENG

    26.115,19
    -89,50 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.429,10
    +26,44 (+0,60%)
     

Bce, Lagarde: 'variante Delta crescente fonte di incertezza, outlook economia dipende da pandemia e vaccinazioni'

·2 minuto per la lettura

"La variante Delta si sta confermando una crescente fonte di incertezza". Lo ha detto Christine Lagarde, numero uno della Bce, nella conferenza stampa successiva all'annuncio dei tassi di interesse e della revisione della forward guidance. Lagarde ha ricordato che questa è stata "la prima riunione ed è la prima conferenza stampa con la nuova strategia di politica monetaria". "Nella riunione odierna- ha detto Lagarde - ci siamo focalizzati sulle implicazioni che la strategia avrà sulla forward guidance dei tassi di interesse chiave". Riguardo all'economia, Lagarde ha sottolineato che "l'outlook continua a dipendere dal percorso della pandemia e dal ritmo delle vaccinazioni". Oggi, giovedì 22 luglio, "la Banca centrale europea ha confermato i tassi di interesse e la dotazione del Pepp, il piano anti-pandemico, ma ha rivisto la sua forward guidance alla luce della revisione della strategia. L'istituto centrale ha infatti concordato un obiettivo di inflazione simmetrica del 2% nel medio termine. "I principali tassi di interesse della Bce sono da tempo vicini al loro limite inferiore e le prospettive di inflazione a medio termine sono ancora ben al di sotto dell'obiettivo- si legge nel comunicato stampa – In queste condizioni, il Consiglio direttivo ha rivisto oggi la sua forward guidance sui tassi di interesse. Lo ha fatto per sottolineare il suo impegno a mantenere un orientamento di politica monetaria costantemente accomodante per raggiungere il suo obiettivo di inflazione". L'istituto centrale, come da attese, ha lasciato i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%. Il Consiglio direttivo prevede che i principali tassi di interesse rimarranno ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l'inflazione raggiungere il 2% ben prima della fine del suo orizzonte di proiezione e durevolmente per il resto dell'orizzonte di proiezione, e ritiene che il progresso realizzato nell'inflazione sottostante sia sufficientemente avanzato da essere coerente con l'inflazione che si stabilizza al 2% nel medio termine. Ciò può anche implicare un periodo transitorio in cui l'inflazione è moderatamente al di sopra dell'obiettivo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli