Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.521,61
    -330,70 (-1,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Bce, Nagel: “Ancora lontani da dove vogliamo far salire i tassi”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 set. (askanews) - La Bce è ancora lontana dal livello di tassi di interesse che intende raggiungere per far invertire la rotta all'inflazione, che resta "pericolosa" e sebbene l'istituzione abbia già aumentato i tassi in maniera rilevante bisogna fare di più. Lo affermato il presidente della Bundesbank, Joachim Nagel, che per il secondo fine settimana consecutivo interviene con segnali fortemente rialzisti sulla politica monetaria dell'area euro.

Come tutti i governatori di banche centrali nazionali dell'Unione valutaria, Nagel siede nel Consiglio direttivo della Bce. Secondo quanto riporta Der Spiegel, ha parlato nel corso dell'open day della Banca centrale tedesca.

"L'inflazione ha sempre una dimensione sociale, ecco perché è così pericolosa", ha detto. L'alta inflazione mina competitività e prospettive di crescita. A luglio la Bce ha alzato i tassi di 0,50 punti percentuali, a settembre di altri 0,75 punti, all'attuale 1,25% in risposta all'alta inflazione.