Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.336,67
    +27,16 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    12.779,91
    -74,89 (-0,58%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0325
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • BTC-EUR

    23.507,99
    -10,58 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,13
    -1,61 (-0,28%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.207,27
    -2,97 (-0,07%)
     

Bce: nel 2021 +12,5% pagamenti elettronici area euro e +18% in valore

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 lug. (askanews) - Aumentano i pagamenti elettronici e non in contanti nell'area euro. Secondo la Bce lo scorso anno sono cresciuti del 12,5%, a 114,2 miliardi di transazioni in numero assoluto. E in termini di valore l'aumento è stato anche più forte: +18,6% a 197.000 miliardi di euro.

Su questi pagamenti non in contanti la parte del leone lo fanno le carte, tra bancomat e carte di credito hanno rappresentato il 49% del totale. I bonifici, prosegue la Bce, hanno rappresentato un 22%, mentre gli addebiti diretti, chiamati anche domiciliazione bancaria sono stati il 20% del totale dei pagamenti non cash.

Sempre secondo lo studio pubblicato oggi, il numero di carte lo scorso anno è cresciuto del 4,6% a 637,7 milioni totali: significa che per ognuno dei 343 milioni di abitanti dell'area euro ci sono 1,9 carte di pagamenti.

La Bce, poi, riporta che nel frattempo si è ridotto il numero di sportelli automatici per ritirare contanti, gli "Atm" o bancomat, con un meno 4,2% a 280.000 unità, mentre è cresciuto il numero di terminali "Pos" per effettuare pagamenti nei punti vendita: +1,8% 13,5 milioni.

Ci sono poi ampie differenze su base nazionale sulle tipologie di pagamenti: la maggior percentuale di transazioni non in contanti se registra in Portogallo, con un 72% nel 2021. La quota più alta di bonifici si registra in Finlandia al 38% mentre sulla domiciliazione bancaria la percentuale più alta è in Germania con il 43%.

Secondo il rapporto della Bce, in Italia i pagamenti con carta sono stati lo scorso anno il 52,5% del totale delle transazioni non in contanti, con un aumento di 3,4 punti rispetto all'anno precedente. I bonifici sono calati di 2,4 punti al 17,4% e la domiciliazione bancaria è scesa di 1,4 punti all'11,5%. L'uso di "e-money è salito di 1,3 punti al 15,7% mentre sugli assegni c'è stata una limatura di 0,3 punti allo 0,9%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli