Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.709,48
    -6,30 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Bce, Panetta: l'euro digitale sarebbe senza rischi e senza costi

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 4 nov. (askanews) - Con la possibile introduzione di un euro digitale, la Bce renderebbe disponibile ai cittadini "una moneta della banca centrale sotto forma digitale, esente da costi, di facile utilizzo, affidabile e priva di rischi. Si tratterebbe, in pratica, di una banconota digitale". Lo ha spiegato Fabio Panetta, componente del Comitato esecutivo della Bce, intervenendo al Salone dei Pagamenti. "L'euro digitale stimolerebbe l'innovazione nel sistema dei pagamenti e la modernizzazione dell'intera economia europea. Insieme alle banche centrali nazionali - ha proseguito Panetta - stiamo analizzando a fondo le conseguenze economiche, finanziarie e tecnologiche dell'euro digitale, nonché le sue implicazioni di natura sia sociale sia strategica". "Lo scorso ottobre abbiamo pubblicato il nostro rapporto sull'euro digitale e avviato una consultazione pubblica. Stiamo esaminando con attenzione le risposte al nostro questionario al fine di essere in grado, qualora necessario, di emettere un euro digitale in linea con le esigenze dei cittadini europei. L'euro digitale - ha ribadito - affiancherebbe il contante, senza sostituirlo. Il contante rimane infatti il mezzo di pagamento al dettaglio più utilizzato nell'area dell'euro, anche se il suo ruolo si sta riducendo. Ci stiamo adoperando pertanto perché esso rimanga disponibile e accettato sia come strumento di pagamento affidabile sia come riserva di valore".