Italia markets close in 5 hours 58 minutes
  • FTSE MIB

    27.000,49
    -137,49 (-0,51%)
     
  • Dow Jones

    35.719,43
    +492,40 (+1,40%)
     
  • Nasdaq

    15.686,92
    +461,76 (+3,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • Petrolio

    72,37
    +0,32 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    44.519,58
    -1.179,23 (-2,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.305,67
    -15,61 (-1,18%)
     
  • Oro

    1.790,60
    +5,90 (+0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1293
    +0,0020 (+0,18%)
     
  • S&P 500

    4.686,75
    +95,08 (+2,07%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.262,58
    -13,62 (-0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8544
    +0,0036 (+0,42%)
     
  • EUR/CHF

    1,0432
    +0,0014 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4264
    +0,0018 (+0,12%)
     

Bce, politica monetaria dovrebbe rimanere flessibile in 2022 - Holzmann

·2 minuto per la lettura
La sede centrale Bce a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) - La Banca centrale europea dovrebbe "navigare a vista" nello stabilire la politica monetaria del prossimo anno, rimanendo flessibile viste le incertezze che circondano l'outlook dell'inflazione, ha detto a Reuters il consigliere Robert Holzmann.

La Bce dovrebbe decidere a dicembre l'entità e la durata degli acquisti di bond dopo la fine del Pepp, molto probabilmente a marzo, come segnalato ieri dalla presidente Christine Lagarde.

Holzmann, governatore della Banca centrale austriaca e un 'falco', ha avvertito dei rischi di un impegno a lungo termine nell'Asset-Purchase Programme (APP).

"È importante navigare a vista durante il prossimo anno, in particolare data l'incertezza che circonda gli sviluppi dell'inflazione nel 2022 e oltre", ha detto Holzmann in un'intervista telefonica.

Gli economisti sentiti per un sondaggio dalla Bce prevedono un'inflazione all'1,9% il prossimo anno e dell'1,7% nel 2023, in entrambi i casi superiore alle previsioni di Francoforte.

I mercati finanziari vedono l'inflazione vicina al 2% per il prossimo decennio, e stanno prezzando la possibilità di un rialzo dei tassi da parte della Bce già la prossima estate, malgrado la guidance di Francoforte in base a cui i tassi rimarranno a minimi record fino a quando l'inflazione si sarà stabilizzata intorno al 2% e l'APP sarà terminato.

Secondo Holzmann la Bce ha bisogno di proiezioni credibili per convincere i mercati finanziari.

"La 'forward guidance' è uno strumento importante", ha detto Holzmann. "Ed è importante che tale strumento resti credibile e questo richiede tra le altre cose che le proiezioni di inflazione siano credibili per gli investitori".

La Bce aggiornerà le proprie proiezioni a dicembre, ma alcune fonti hanno riferito a Reuters che durante il meeting di ieri i membri del Consiglio direttivo hanno discusso il rischio che l'inflazione resti oltre il target del 2% l'anno prossimo.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Antonella Cinelli, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli