Italia Markets close in 1 hr 3 mins

Bce preannuncia che a dicembre "ricalibrerà" misure anticrisi

Voz
·2 minuto per la lettura

Roma, 29 ott. (askanews) - La Banca centrale europea preannuncia che a dicembre "ricalibrerà" le sue misure di politica monetaria "come appropriato a rispondere all'evolversi della situazione". E nel comunicato diffuso al termine del Consiglio rileva come "il contesto attuale" sia "chiaramente di rischi al ribasso". Con una insolita variazione delle sue modalità di esposizione delle decisioni che, di norma, vedono il Comunicato del Consiglio elencare le misure prese o confermate, la Bce fornisce spunti sulla prossima riunione del direttorio. Il Consiglio "valuterà attentamente le informazioni che giungeranno, incluse le dinamiche della pandemia, le prospettive della diffusione di un vaccino e i tassi dei cambi", si legge. A dicembre saranno disponibili le nuove previsioni economiche dei tecnici della Bce "che consentiranno un riesame delle prospettive e dei rischi". Sulla base di queste nuove valutazioni, verranno appunto ricalibrate le varie misure con l'obiettivo di "assicurare che le condizioni di finanziamento restino favorevoli a sostenere l'economia e contrastare l'impatto negativo della pandemia sull'inflazione, si legge. Fatto questo lungo e insolito preambolo, forse con l'obiettivo di scongiurare reazioni negative dei mercati tra il comunicato del Consiglio e la successiva conferenza stampa esplicativa della presidente, in cui solitamente vengono forniti spunti sulle decisioni future, la Bce riferisce come linea di politica monetaria sia stata, come ampiamente atteso, lasciata sostanzialmente invariata. Ha innanzitutto confermato a 1.350 miliardi di euro la mole del programma di acquisti di titoli antipandemico, il Peep, la cui scadenza prevista resta fissata "almeno sino alla fine di giugno 2021". Il Consiglio ha anche confermato che reinvestirà proventi dei titoli giunti a scadenza in questo programma "almeno sino alla fine del 2022". Confermato anche, in questo caso a 20 miliardi di euro al mese, il ritmo del suo programma di acquisti di titoli già in corso prima della crisi pandemica, l'App su cui la Bce aveva deciso una dotazione temporanea aggiuntiva di 120 miliardi di euro fino a fine anno. Queste operazioni "proseguiranno finché necessario". Come ampiamente previsto, poi, i tassi di interesse ufficiali dell'area euro restano inchiodati ai livelli attuali: zero sulle operazioni di rifinanziamento principali, 0,25% sulle operazioni di rifinanziamento marginali e meno 0,50% sui depositi delle banche presso la Bce. Infine, il Consiglio direttivo della Bce ribadisce l'intenzione di fornire abbondante liquidità al sistema, tramite rifinaiziamenti ultra agevolati alle banche. Molti analisti avevano detto di attendersi che la Bce oggi si sarebbe limitata a preparare il terreno a eventuali nuove misure, da decidere al Consiglio di dicembre. Per questo e altro, ora l'attezione si sposta sulla conferenza stampa esplicativa della presidente Christine Lagarde, alle 14 e 30.