Bco Popolare e MPS zavorrano Piazza Affari. I motivi del crollo

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
YPFL3.SA0,0000

Le vendite che si stanno abbattendo quest’oggi su Piazza Affari si stanno mostrano particolarmente vigorose per due bancari quali Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) e Banca Monte Paschi, che occupano le ultime due posizioni nel paniere del Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) , registrando la peggiore performance nel settore di riferimento. Banca Monte Paschi, dopo aver ceduto ieri lo 0,24%, lascia sul parterre quest’oggi il 3,23% a 0,1949 euro, con oltre 87 milioni di azioni passate di mano fino ad ora. Più pesante il bilancio di Banco Popolare che affonda del 5,38% a 1,072 euro, con oltre 21,5 milioni di pezzi transitati sul mercato fino ad ora. Diversi i motivi che stanno alimentando le vendite su questi due titoli e per Banco Popolare si segnala lo zampino di Moody’s. Gli analisti di quest’ultima hanno comunicato ieri a mercati chiusi la decisione di mettere in revisione i rating del gruppo in vista di un possibile downgrade. Il credit watch negativo è stato deciso alla luce dei timori relativi al peggioramento della già debole qualità degli asset e per via della scarsa generazione di capitale a fronte del contesto recessivo in cui si trova il nostro Paese. Moody’s ha messo sotto osservazione anche il rating della controllata Banca Italease (Berlino: B4I.BE - notizie) , segnalando che il rischio di una bocciatura per il gruppo è legato alla minaccia di un deterioramento del valore degli asset e alla necessità di assicurare livelli di capitale superiori ai requisiti di regolamentazione. La minaccia di Moody’s è senza dubbio negativa per Banco Popolare perchè secondo gli analisti graverebbe e non poco sul rinnovo delle emissioni istituzionali del gruppo. Già nei gironi scorsi Banco Popolare ha dovuto fare i conti con i giudizi poco lusinghieri delle banche d’affari che hanno rivisto la valutazione del titolo dopo la diffusione dei risultati trimestrali inferiori alle attese. E’ il caso di Equita SIM che ha ritoccato il prezzo obiettivo da 2 a 1,9 euro, sulla scia di una revisione delle stime per il prossimo esercizio, anche se gli esperti hanno confermato la loro view positiva sul titolo, reiterando la raccomandazione “buy”.

, A penalizzare invece Banca Monte Paschi è la mossa a sorpresa del Cda (Sao Paolo: YPFL3.SA - notizie) che ha approvato l’emissione dei cosiddetti Monti bond per un ammontare complessivo di 3,9 miliardi di euro, ossia 500 milioni in più rispetto a quanto comunicato fino ad ora. La banca senese ha fatto sapere che l’importo aggiuntivo è necessario per compensare i possibili effetti derivanti dalla ristrutturazione di una parte del portafoglio di carry trade sul quale in questo momento si registra una perdita potenzale di 2,9 miliardi legata alle coperture sul rischio tasso. Secondo gli analisti di Equita SIM, Banca Monte Paschi ha deciso di registrare una perdita up-front “smontando” parte del portafoglio, liberando il relativo funding in modo da cogliere opportunità di investimento più profittevoli. A fronte di questa perdita up-front, il margine di interesse dei prossimi anni dovrebbe essere più alto. La SIM milanese ha calcolato che i 500 milioni aggiuntivi di Monti bond costano 45 milioni di interessi in più rispetto ai 300 milioni che erano inclusi nel suo modello. Per gli esperti la mossa a sorpresa di Banca Monte Paschi cristallizza una perdita, abbassa il core tier 1 ratio di altri 50 punti base nell’immediato, determina ulteriore diluizione per gli azionisti e allontana ulteriormente il pagamento dei dividendi. In attesa di novità equita SIM conferma il rating “hold” su Monte Paschi, con un prezzo obiettivo a 0,17 euro, al di sotto delle attuali valutazioni di Borsa. A bocciare il titolo sono stati i colleghi di Banca Akros che hanno abbassato la raccomandazione da “hold” a “reduce”, rivedendo il target price da 0,22 a 0,18 euro.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 17:45 CEST
Dow Jones 16.490,90 0,07% 20:59 CEST
Nikkei 225 14.404,99 0,97% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati