Italia markets open in 1 hour 26 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.236,55
    +597,15 (+2,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1743
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    37.446,07
    -130,50 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.097,39
    -11,54 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    24.486,35
    -24,63 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

De Benedictis (Filt) su tpl: "c'è molta superficialità, serve confronto e assumere controllori"

·2 minuto per la lettura

Sul tpl "c'è molta superficialità. Va bene l'obbligo del green pass ma bisogna affrontare il tema del controllo: chi, come e con quali poteri. Negli anni il personale è stato ridotto. Mancano le persone per poter fare i controlli e non si può chiedere all'autista anche il controllo dei green pass visto che deve già controllare l'uso della mascherina e il respetto delle norme covid". Ad affermarlo all'Adnkronos è la segreteria nazionale Filt Cgil, Maria Teresa De Benedictis. "Serve un confronto sul tema con il Governo: non si può improvvisare come sembra stia accadendo. C'è molta tensione e incertezza tra i lavoratori. Bisogna fare chiarezza", afferma la sindacalista sottolineando la necessità di assumere controllori.

"Non ci hanno proprio coinvolti. Rivendichiamo la necessità di un confronto", sottolinea De Benedictis. Con la pandemia, rileva, "i problemi del tpl si sono amplificati. Basta pensare che l'Italia già da tempo è il paese con uno dei più alti tassi di evasione e questo perché le aziende del settore hanno risparmiato tagliando i posti di lavoro ai verificatori di biglietti". Per il trasporto a media e lunga percorrenza "il problema c'è ma è minore grazie alla biglietteria online che permette di poter procedere ad un autocertificazione per le persone in possesso del green pass. Poi i controllori possono controllare insieme ai biglietti il green pass. Nel tpl invece siamo molto indietro anche sulle prenotazioni online".

Per la sindacalista "bisogna ripristinare i verificatori. E non vanno ripristinati per 2 o tre mesi e poi rimandati a casa. Il problema c'era anche prima della pandemia. Dobbiamo recuperare l'evasione e quindi serve personale". Insomma per De Benedictis "serve un confronto con le parti sociali. Siamo stati anche assenti dai tavoli prefittizi che dovevano e non hanno mai trovato la soluzione per quanto riguarda il tpl e le scuole". Per la sindacalista "è improponibile" anche pensare ad autobus solo per gli studenti. "Con quali linee e con quali percorsi?".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli