Italia Markets closed

Benzina e diesel, effetto domino

webinfo@adnkronos.com
Dopo due giorni di 'tregua', tornano i rialzi sui listini dei prezzi consigliati dei carburanti alla pompa dopo l'accelerazione registrata nei giorni scorsi per le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo.  Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana e Quotidiano Energia, questa mattina Tamoil ha aumentato di un centesimo al litro i prezzi consigliati di benzina e gasolio mentre le medie dei prezzi dell'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati vedono la benzina self service a 1,522 euro/litro (+1 millesimo, pompe bianche 1,496), il diesel a 1,461 euro/litro (+2, pompe bianche 1,435). Il Gpl a 0,639 euro/litro (invariato, pompe bianche 0,636) e il metano a 0,996 euro/kg (invariato, pompe bianche 0,983).

Ritocchi al rialzo sulla rete carburanti italiana. Dopo l’impulso dato ieri da Eni, infatti, a muovere i prezzi raccomandati sono oggi IP e Italiana Petroli (+0,5 cent su benzina e diesel) e Tamoil (+1 cent su entrambi i prodotti), mentre salgono le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo.  

In particolare, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della verde è pari a 1,509 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,510 a 1,535 euro/litro (no-logo a 1,490). Il prezzo medio praticato del diesel è a 1,447 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,447 a 1,466 euro/litro (no-logo a 1,427). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,646 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,626 a 1,740 euro/litro (no-logo a 1,542), mentre per il diesel la media è a 1,584 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,588 a 1,670 euro/litro (no-logo a 1,477). Il Gpl, infine, va da 0,648 a 0,669 euro/litro (no-logo a 0,638).