Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.198,77
    -161,62 (-0,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Bettini: "Renzi apre? Non ha più credibilità"

Stefano Baldolini
·Ufficio centrale HuffPost
·1 minuto per la lettura
L'autore Goffredo Bettini durante la presentazione del libro "Agorà - L'ago  della bilancia sei tu" presso il Teatro De' Servi a Roma, 5 ottobre 2018. ANSA/CLAUDIO PERI (Photo: ANSA)
L'autore Goffredo Bettini durante la presentazione del libro "Agorà - L'ago della bilancia sei tu" presso il Teatro De' Servi a Roma, 5 ottobre 2018. ANSA/CLAUDIO PERI (Photo: ANSA)

“Renzi ha voluto staccare la spina, spingendo l’Italia in una crisi al buio. Ora manda segnali di apertura? Ma siamo seri: che credibilità possono avere dopo una rottura così grave, accompagnata dalla soddisfazione che egli dimostra anche in queste ore per le difficoltà nelle quali ci ha cacciato?”. Così Goffredo Bettini, consigliere del segretario Pd Zingaretti, in un’intervista al ‘Corriere della sera’ ribadisce la chiusura nei confronti di Italia Viva.

“Dispiace davvero, perché in questi mesi molti parlamentari di Iv hanno lavorato bene in un impegno comune. Renzi ha buttato tutto all’aria. Non solo per il suo carattere, ma per un disegno politico di rottura dell’alleanza tra Leu, 5 Stelle e Pd, in odio a Conte e per slabbrare i confini tra la destra e i democratici, pensando così di conquistare un maggiore spazio politico”.

In vista della fiducia lunedì alla Camera e martedì al Senato: “Non so cosa accadrà in Parlamento. Ma lì occorre andare. Per verificare se Conte ottiene la fiducia che ai sensi della costituzione non richiede quorum rafforzato ma solo che i sì prevalgano. Se sì, la sola cosa politicamente opportuna e moralmente giusta è rimettersi al lavoro per affrontare l’emergenza. Si è perso troppo tempo in tatticismi. Il Pd dice basta”.

“Se, invece, non si dovesse ottenere la fiducia, sarà Mattarella a indicare la strada. Per quanto riguarda il Pd: non accetteremo nessuna collaborazione con la destra sovranista, antieuropea e illiberale”, conclude l’esponente Pd.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.