Italia markets close in 4 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    24.503,48
    +438,43 (+1,82%)
     
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,02
    -0,19 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    28.592,23
    +1.009,98 (+3,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    675,67
    +23,44 (+3,59%)
     
  • Oro

    1.843,80
    +2,60 (+0,14%)
     
  • EUR/USD

    1,0588
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.697,48
    +56,93 (+1,56%)
     
  • EUR/GBP

    0,8482
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0280
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3533
    -0,0036 (-0,27%)
     

Bianchi: “Stiamo ragionando per semplificare il rientro a scuola dopo il Covid”

·2 minuto per la lettura
scuola
scuola

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al tanto discusso rientro a scuola al termine delle festività natalizie e all’andamento della pandemia in Italia.

Scuola, Bianchi: “Il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura non c’è stato”

Ai microfoni di Radio24, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha commentato il rientro a scuola degli studenti, dei docenti e del personale scolastico al termine delle festività natalizie, osservando: “Il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura della scuola dopo le vacanze natalizie non c’è stato, ci sono stati problemi molto differenziati zona per zona”.

A questo proposito, inoltre, il ministro Bianchi ha ribadito che i presidi delle strutture scolastiche italiane sono stati in grado di affrontare tutti i problemi che si sono verificati e che si stanno verificando “con grandissima responsabilità“.

Bianchi: “Scuola elemento fondante della società”

Nel corso del suo intervento, poi, il ministro dell’Istruzione ha esaminato il rientro a scuola correlandolo con l’andamento della pandemia Covid, affermando: “Siamo arrivati con un carico di contagi presi nelle tre settimane prima quando la scuola era chiusa, e quindi è chiaro che questo ha avuto effetti differenziati. Però la scuola ha riaperto. E la cosa importante è che maturasse in tutti il principio che essa è un elemento fondante della società. Quindi non è che prima chiude la scuola e poi viene tutto il resto”.

Inoltre, Bianchi ha osservato: “Quello che è stato evidente in questa settimana è che nella stragrande parte del Paese non solo si è tornati a scuola, ma si è ritrovato il valore della scuola in presenza”.

Bianchi: “Stiamo ragionando per semplificare il rientro a scuola dopo il Covid”

Soffermandosi sul ricorso alla didattica a distanza (DaD), il ministro Bianchi ha precisato: “Io non faccio guerre di religione contro la DaD: questa funziona se è parte integrante di un progetto didattico, non se è l’alternativa o il surrogato della scuola – e ha aggiunto –. Abbiamo ripristinato questo principio della scuola in presenza, come comunità, come diritto e dall’altra parte abbiamo verificato la possibilità anche di utilizzare strumenti a distanza come parte integrante e integrativa di un progetto didattico”.

Infine, l’economista e accademico italiano ha annunciato: “Stiamo ragionando per semplificare la certificazione per il rientro a scuola dopo il Covid, una volta raggiunta la negatività”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli