Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.671,95
    -289,91 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    13.309,69
    -288,27 (-2,12%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2238
    +0,0070 (+0,58%)
     
  • BTC-EUR

    40.958,33
    +7,76 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.003,21
    +8,54 (+0,86%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    3.871,78
    -53,65 (-1,37%)
     

Bibanca, nel 2020 utile netto +49,1% a 13,6 mln

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Nel 2020 Bibanca ha registrato un utile netto di 13,6 milioni di euro, in aumento del 49,1% rispetto al risultato del precedente esercizio 2019, quanto era stato pari a 9,1 milioni. Lo comunica l'isituto di credito del gruppo Bper, nel ricordare che il cda della banca ha approvato nei giorni scorsi i risultati preliminari del bilancio, che sarà portato all’approvazione dell’assemblea dei soci il prossimo 15 aprile.

I crediti alla clientela di Bibanca nel 2020 hanno raggiunto 1.436 milioni (+12,0% rispetto all’esercizio 2019). Sono stati erogati complessivamente 542 milioni nel 2020 sotto forma di prestiti personali, cessioni del quinto e carte rateali. L’andamento reddituale mostra un significativo progresso, con il margine di interesse che arriva a 48,3 milioni (+11,0%), quello di intermediazione a 66,5 milioni (+8,7%) e con le spese amministrative (40,1 milioni) che diminuiscono complessivamente dell’1,1%.

Come risultato degli aggregati esposti, l’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte risulta pari nel 2020 a 20,4 milioni ed evidenzia una crescita del 41,3% rispetto al risultato dell’esercizio 2019 (pari a 14,4 milioni). Il rapporto delle sofferenze nette sul totale dei finanziamenti alla clientela si mantiene su livelli estremamente contenuti (0,17% nel 2020 a fonte dello 0,12% nel 2019). Complessivamente i crediti deteriorati netti in rapporto agli impieghi risultano pari al 2,2% (1,8% nel 2019). L’indice di copertura dei crediti deteriorati sale dal 34,0% al 36,1% ed il costo del credito è in riduzione dallo 0,49% dello scorso esercizio allo 0,42% del 2020. Il cost/income (rapporto fra costi operativi e ricavi caratteristici) si riduce ulteriormente posizionandosi sul livello del 55,5% (era pari al 57,9% nel dicembre 2019).

"Questi risultati arrivano dopo un anno di impegnativa trasformazione della Banca. Abbiamo cambiato nome, abbiamo avviato una profonda riorganizzazione volta ad abbassare l’età media e favorire la parità di genere, tutto questo per cogliere le grandi opportunità di crescita che offre il mercato", ha commentato il presidente di Bibanca Mario Mariani.

Per il direttore generale Diego Rossi "si tratta di una trasformazione finalizzata a incrementare le attività con più alto valore aggiunto, che garantiscano lo sviluppo prospettico di Bibanca; lo stiamo facendo focalizzandoci su nuovi processi di digital transformation e attraverso una campagna di recruiting che è ancora in corso", ha concluso Rossi.