Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.936,82
    -1.119,07 (-2,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8663
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,1018
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4981
    -0,0028 (-0,19%)
     

Biden a Houston per il "Go Texan Day". Ma al posto del rodeo ci sono i vaccini

Rita Lofano
·1 minuto per la lettura

AGI - Joe Biden e la first lady Jill sono andati venerdì a Houston, in Texas, come gesto di solidarietà nei confronti della popolazione messa in ginocchio da una tempesta polare senza precedenti.

Il presidente ha visitato un centro di emergenza nella Harris County e la Banca del cibo di Houston, incontrando i volontari. Jill ha aiutato a impacchettare acqua e viveri per le famiglie ancora in affanno dopo il disastro.

Prima di ripartire per Washington, il presidente ha fatto un discorso in un centro per i vaccini allestito nello stadio NRG, che tradizionalmente ospita lo 'Houston Livestock Show and Rodeo', il più grande evento western del mondo, visitato in media da 2,5 milioni di persone all'anno, ma che nell'edizione del 2021, a causa del Covid-19, sarà solo virtuale.

Il rodeo di Houston, che dura un mese, ha preso il via venerdì, nel "Go Texas Day", quando tutti i texani, anche a scuola e in ufficio, si vestono da cowboy: cappello, camicia a quadri e stivali.

Perfino l'aeroporto internazionale Houston-Bush accoglie i viaggiatori oggi con un gigantesco cappello da cowboy nero piazzato su una torre. Ma per la prima volta dal 1937, a causa del coronavirus, la manifestazione simbolo della città è stata chiusa al pubblico.

Nessun parata, nessuna coscia di tacchino gigante mangiata in strada come un gelato, nessuna corsa per i bambini che imparano a restare in sella aggrappati alle pecore.