FTSE MIB
21.675,75
-259,59
-1,18%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.117,72
-259,18
-1,11%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.674,74
-7,02
0,11%
^FTSE
Dax
9.544,19
-55,90
0,58%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
-12,72
0,08%
^DJI
S&P 500
1.875,39
-4,16
0,22%
^GSPC
Nikkei 225
14.546,27
0,00
0,00%
^N225
Euro-Dollaro
1,3817
0,0001
0,01%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8233
0,0002
0,03%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2207
0,0002
0,02%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5958
0,0001
0,02%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,6350
0,0479
0,03%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6189
0,0005
0,01%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,3432
0,0115
0,02%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,62
0,18
0,18%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,75
0,00
0,08%
NGM14.NYM
Oro
1.283,50
-1,10
0,09%
GCM14.CMX
Argento
19,42
0,02
0,12%
SIK14.CMX
Rame
3,06
0,00
0,08%
HGK14.CMX
Grano
682,75
0,25
0,04%
WN14.CBT
Mais
508,75
0,75
0,15%
CN14.CBT
 

Bilancio europeo, l'Italia minaccia il veto

L’Italia minaccia di porre il veto all’approvazione del bilancio Ue 2014-2020. Una presa di posizione forte, quella del nostro Paese, palesata dal ministro alle Politiche comunitarie, Enzo Moavero, che ha precisato come “l’Italia è pronta a mettere il veto se l’accordo sul bilancio Ue 2014-2020 non sarà equo per i nostri cittadini e gravoso per il nostro Paese”. Una doccia fredda per i leader europei che da Bruxelles, nel corso dell’ultimo vertice, avevano parlato di “accordo possibile” da raggiungere già nel prossimo incontro di giovedì e venerdì prossimo.

“Se la proposta per il bilancio 2014-2020 fosse catastrofica per l’Italia, questo porterebbe a non mettere il voto all’unanimità necessaria per approvare l’intesa”, ha aggiunto Moavero all’uscita dalle riunione del Consiglio Ue Affari generali, mercoledì a Bruxelles. Una presa di posizione netta che rischia di far slittare l’approvazione del prossimo bilancio a lungo termine e che potrebbe fare il gioco del Regno Unito. Il premier inglese, David Cameron, infatti, chiede maggiori tagli, circa 150-200 miliardi di euro rispetto ai 1.048 miliardi chiesti dalla Commissione europea. Sulla stessa lunghezza d’onda anche la Germania che vuole tagli nell’ordine dei 100 miliardi, ma non ha mai minacciato di porre il suo veto, come già fatto diverse volte dal Regno Unito. Per l’approvazione del bilancio di lungo periodo occorre l’approvazione all’unanimità da parte dei 27 Paesi membri, a differenza delle decisioni annuali che, invece, necessitano di una maggioranza qualificata.

Insomma la minaccia italiana complica, ancora di più, la partita. Il programma multiannuale di bilancio europeo fissa i capitoli di spesa dell’Ue per tutti i sette anni di programmazione, dai fondi per la coesione a quelli strutturali, dal sostegno allo sviluppo agricolo a quello per le infrastrutture, dalla ricerca e sviluppo alle spese amministrative delle istituzioni europee stesse. C’è da precisare che ogni Paese contribuisce in maniera differente, secondo un calcolo che prende in considerazione tanti parametri come quello della popolazione. Malta stacca un assegno di 56 milioni; la Germania, nel 2011, ha versato a Bruxelles la bellezza di 19,6 miliardi di euro. La parte più consistente di questi soldi, comunque, viene usato dall’Ue per finanziare progetti di ogni tipo in giro per Eurolandia. In buona sostanza, quindi, i soldi ritornano nei Paesi membri sotto forma di investimenti.

Ma ci sono nazioni che versano più di quello che vedono tornare. Sono i “contribuenti netti”, che soprattutto in tempo di crisi non vogliono più sprecare denaro. Nel 2010, tanto per fare un esempio, sono risultati “netti” la Germania (-6,3 miliardi), la Francia (-5,8), la Gran Bretagna (-1,9), Belgio (-1,7) e anche l’Italia con 5 miliardi accanto al segno meno. Alla luce di questi dati risulta più facile comprendere come i Paesi che sono contribuenti netti non vogliano più perdere liquidità, anche se non considerano il reale rendimento di quanto viene investito a livello nazionale e gli altri benefici che derivano dall’appartenenza al mercato unico.

Insomma, come sempre, si riduce tutto ad una mera questione di denaro. Per il ministro Moavero, in ogni modo, c’è tutto il tempo necessario. “I tempi tecnici – ha rassicurato – per adottare il bilancio sono ampiamente rispettati anche se la decisione arrivasse a marzo dell’anno prossimo”. Ma fonti interne al Consiglio europeo la pensano diversamente: “Se non si trova un accordo entro fine anno, sarà ancora più difficile farlo nel 2013”.

La possibilità italiana di mettere il veto, come abbiamo detto, non dispiace affatto a Londra. Anzi. Il sindaco della capitale britannica, Boris Johnson, ha pubblicamente esortato il governo Cameron a “copiare Margaret Thatcher” quando si oppose all’approvazione del bilancio Ue. Negli anni Ottanta, infatti, la Lady di ferro ottenne il rimborso che annualmente viene pagato alla Gran Bretagna per i fondi Ue non spesi.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.