Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    24.291,03
    +100,38 (+0,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Bitcoin e Crypto rimbalzo dopo sell-off? Ragioni crollo, prossime mosse

·3 minuto per la lettura

L’intero mercato delle criptovalute è crollato nella notte italiana tra il 4 e il 5 dicembre con bitcoin (BTC) che in una sola ora ha perso 9 mila dollari di valore a causa di una massiccia vendita paria a 4.500 BTC, con 1.500 BTC venduti in meno di un minuto, ha scritto Coindesk.

Il tanto temuto collasso di cui si era parlato solo nelle 24 ore prima, che figuravano una situazione con molti bitcoin trasferiti sugli exchange si è palesato. Del resto AmbCrypto aveva dato conto di 39.000 BTC trasferiti sulle piattaforme di scambio in 24 ore tra il 2 e il 3 dicembre. Una situazione che ovviamente aveva destato qualche preoccupazione e soprattutto messo molta offerta a disposizione della domanda, che non fa mai bene per la salita dei prezzi.

Infatti, la salita vorticosa che bitcoin ha vissuto a partire da settembre 2020 e fino ai primi di maggio 2021, si è verificata perché molti investitori avevano ritirato i propri bitcoin dagli exchange, creando quindi una scarsità di offerta a fronte di una domanda crescente: sia da parte di investitori a dettaglio, che di grandi investitori professionisti e istituzionali.

Il crollo del mercato crypto ha intaccato tutte le criptomonete, le quali hanno perso fino anche al -20% in poche ore.

Il rimbalzo crypto attuale

Al momento si è verificato un rimbalzo, infatti, BTC è positivo del +4% circa al momento della scrittura, tuttavia scambia sotto i 50 mila USD.

Ethereum (ETH) è positivo del +6,72% nelle 24 ore e del +3,62% a 7 giorni. Bene anche binance coin (BNB) (+6,91%) e bene anche solana (SOL) che sale di un ulteriore 4,15%, restando positiva anche a 7 giorni.

Cardano (ADA) risale (+2,13%) e XRP tenta un rimbalzo essendo positivo del +8,02% nelle ultime 24 ore.

Terra (LUNA), invece, resta l’unico titolo ad aver superato indenne il sell-off (ammesso sia terminato) e guadagna il +31,72% giornaliero e il +59,37% negli ultimi 7 giorni.

Le ragioni del sell-off di inizio dicembre

Dopo il picco massimo della prima metà di novembre, BTC è via via ridisceso fino ad attestarsi tra i 53 mila e i 57 mila dollari. Quindi la stasi che preannunciava il tracollo che poi si è verificato.

Secondo Decrypt, ad aver causato la discesa dopo l’ATH hanno contribuito la variante omicron del coronavirus, la rielezione di Jerome Powell alla Fed e le sue parole che anticipano una più forte risposta all’inflazione negli USA (galoppante).

Ma avrebbero influito anche altre notizie negative come la bocciatura di un ETF bitcoin spot da parte della SEC e avrebbe influito anche la notizia di Jack Dorsey che lascia la guida di Twitter per concentrarsi su Square, ma gli azionisti non l’hanno presa bene sul cambio del nome in Block e il titolo ha ceduto terreno al Nasdaq.

Cosa aspettarsi ora?

Tutto qui? Queste le ragioni di un BTC crollato così repentinamente? Più che le “cattive” notizie, forse il problema è l’eccesso di offerta che si è venuta a creare sugli exchange.

Il trasferimento di una così massiccia quantità di criptovaluta potrebbe essere stato dovuto all’aspettativa di un ultimo bull-run di fine anno. Il tanto atteso ultimo sprint di questo ciclo, che al momento non c’è stato e che appare lontano.

Plan B, però, ha ricordato su Twitter che BTC nel corso del 2017 è crollato più volte e con sell-off ben più pesanti. Ammesso che abbia ragione, raggiungere i 100 mila dollari di valore entro fine anno richiederebbe una massa di denaro considerevole. Tutto è possibile nella crypto city, ma ora la prudenza prevale.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli