Italia markets open in 23 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • EUR/USD

    1,2016
    -0,0043 (-0,36%)
     
  • BTC-EUR

    40.603,81
    +1.795,29 (+4,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    977,92
    -8,73 (-0,89%)
     
  • HANG SENG

    29.086,17
    -366,40 (-1,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Bitcoin, Portale: Musk dà fiducia, ora non più affare da smanettoni

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 feb. (askanews) - Il Bitcoin "non è più solo un affare da smanettoni esperti" e dopo l'annuncio di Elon Musk, che ha acquistato con Tesla 1,5 miliardi di dollari della più celebre criptovaluta, diventa "una interessante alternativa per diversificare il patrimonio". Valeria Portale, direttore dell'osservatorio Blockchain & Distributed Ledger della School of management del Politecnico di Milano, vede nella scommessa del fondatore di Tesla "una scelta strategica che dà fiducia a tutto il settore. L'acquisto e soprattutto la decisione di accettare in futuro Bitcoin come metodo di pagamento per le sue auto elettriche potranno avvicinare altre aziende alle criptovalute. Ma attenzione: serve consapevolezza perché il mercato è ancora molto volatile e ci si espone inevitabilmente a dei rischi".

Oggi un singolo Bitcoin costa ben oltre i 40mila dollari, un record per la moneta virtuale che nel 2018 era piombata nel "crypto winter" dopo l'exploit dell'anno precedente che l'aveva portata a 20mila dollari. "Musk - dice Portale ad askanews - ha la capacità di influenzare il mercato e questo annuncio è visto come un endorsement. Lui ha studiato ed è un po' che su Twitter gioca con il tema: ora ha voluto mandare un messaggio forte agli investitori puntando un miliardo e mezzo di dollari".

Quando davvero Tesla accetterà 2,5 Bitcoin per una sua automobile da oltre 90mila dollari con ogni probabilità ci sarà un nuovo strappo sui mercati. "Serviranno alcuni mesi che in un contesto in elevatissimo fermento possono significare tanto", sottolinea Portale. Oggi, ragiona l'esperta, solo qualche sito di ecommerce accetta Bitcoin (e sue frazioni) per finalizzare gli acquisti; Musk sarebbe il primo a permettere shopping di così alto livello, anche se nel frattempo PayPal intende permettere ai merchant di accettare cryptocurrency. "Questo non toglie la rischiosità dell'investimento. Le critpovalute restano infatti estremamente volatili", mette in guardia Portale.

Il prezzo del Bitcoin, ricorda, è legato "solo alla legge della domanda e dell'offerta che fa aumentare il costo complessivo. In un periodo dopo un annuncio come questo la domanda sale e così il prezzo; ma allo stesso modo sono possibili notevoli oscillazioni anche in senso negativo". L'ingresso del Bitcoin nel patrimonio di Tesla potrebbe aiutare a "consolidare il settore, ma è ancora troppo presto per frenare i movimenti. Sui mercati finanziari - chiosa - un grafico come quello del Bitcoin preoccupa: dopo la salita ci potrebbe essere la discesa".