Italia Markets close in 2 hrs 16 mins

BlackRock esamina il caso Gran Bretagna per capire la crisi del virus

Virgilio Chelli
·3 minuti per la lettura
BlackRock esamina il caso Gran Bretagna per capire la crisi del virus
BlackRock esamina il caso Gran Bretagna per capire la crisi del virus

Il BlackRock Investment Institute studia il caso britannico per valutare lo shock da Covid sotto tre aspetti: la ripartenza, la rivoluzione politica e i danni per l’economia

Il BlackRock Investment Institute nel suo commento di mercato settimanale mette sotto la lente il caso della Gran Bretagna per analizzarne tre aspetti che utilizza per valutare l’impatto del coronavirus: il passo della ripartenza economica, lo stato del supporto politico e il possibile danno permanente inflitto all’economia, per giungere alla conclusione che l’esperienza conferma la convinzione che alla fine l’impatto cumulativo della crisi attuale risulta frazionale rispetto a quello determinato dalla crisi finanziaria esplosa nel 2008, ma mette anche in evidenza una serie di sfide future.

ECONOMIA COLPITA DURAMENTE

L’analisi del BlackRock Investment Institute parte dal fatto che quella del Regno Unito è stata una delle economie sviluppate colpite più duramente dalla pandemia, con una caduta del PIL di quasi il 22% nella prima metà del 2020, molto più pronunciata rispetto ad altri Paesi, riflettendo in parte una concentrazione relativamente elevata di servizi e anche il fatto che il lockdown è partito più tardi ma è anche durato più a lungo che nel resto d’Europa per il rallentamento meno veloce dei casi. L’analisi di BlackRock preferisce tuttavia concentrarsi sulla caduta cumulativa del PIL rispetto al trend che non sull’impatto iniziale.

MENO IMPATTO RISPETTO ALLA GRANDE CRISI

Secondo il BlackRock Investment Institute, negli anni a venire questo impatto sarà decisamente minore rispetto a quello della Grande Crisi, grazie, come in altre regioni, alla pronta e massiva risposta politica. La contrazione della mobilità, ad esempio, si è ridotta al 30% rispetto a un picco iniziale del 70%, e anche se la ripresa è stata più lenta rispetto al resto d’Europa e agli USA, secondo BlackRock non è appropriato parlare di una seconda ondata del virus. Inoltre il governo britannico è passato a un approccio preventivo dopo le critiche per l’adozione in ritardo del lockdown, per cui pause o ritardi nella ripartenza delle attività non dovrebbero avere un grande impatto sull’economia nel suo complesso.

FORTE RISPOSTA FISCALE E MONETARIA

Il BlackRock Investment Institute sottolinea poi la dimensione della risposta in termini di politica fiscale e monetaria a sostegno del settore privato con aiuti che hanno consentito di mantenere il livello salariale nonostante le chiusure e contenere la disoccupazione. Ora il rischio a breve è soprattutto quello di una interruzione prematura del sostegno fiscale, mentre nel lungo termine la sfida chiave resta quella della Brexit e del tipo di accordi che potranno essere raggiunti con la UE soprattutto in ambito del commercio.

VISIONE PIU’ OTTIMISTA SUI MERCATI EMERGENTI

In conclusione, secondo BlackRock, il potenziale al ribasso per l’economia britannica è più elevato rispetto al resto d’Europa. Galvanizzato dalla risposta politica che è stata messa in campo con il Recovery Fund pan-europeo, il caso del Regno Unito rappresenta una finestra sul futuro che interessa anche altre economie e mercati. L’analisi rafforza la cautela sulle prospettive dell’Europa in generale e anche una visione più ottimista sui mercati emergenti.