Italia Markets closed

Bloomberg, prezzo di BTC salirà nel 2020. Coinbase punta ai trader professionisti

Fabio Carbone

Dopo le nostre previsioni sul prezzo di bitcoin nel 2020, ecco arrivare quelle di Bloomberg, secondo cui il prezzo di BTC non potrà che incrementare nel 2020, per due motivi in particolare: il tetto massimo al numero di coin (21mln di BTC) e la maggiore adozione da parte delle persone.

Basteranno questi due fattori a far lievitare il prezzo del bitcoin? Forse no, ma secondo lo stratega di Bloomberg Intelligence Mike McGlone, sì.

Intanto bisogna registrare l’impennata del prezzo dell’oro digitale a causa dell’alta tensione tra gli Stati Uniti d’America e l’Iran. Dopo l’uccisione di Soleimani vi era stato un primo apprezzamento, e dopo la risposta militare dell’Iran della scorsa notte il BTC si è apprezzato di un ulteriore +6,36% al momento della pubblicazione (dati CoinMarketCap.com).

Ecco cosa scrive Mike McGlone:

“Il fatto che un asset di conservazione del valore con offerta fissa e una crescente adozione abbia una maggiore probabilità di aumentare di prezzo, manterrà il Bitcoin su nel 2020, a nostro avviso, mentre le principali tendenze del 2019 che hanno favorito la prima criptovaluta contro i rivali dovrebbe persistere. Prevediamo che i movimenti dell’oro – che appare come mercato rialzista – rimarranno un proxy per Bitcoin. Il più ampio mercato delle criptovalute è a rischio di una più media inversione del rally parabolico del 2017 e tutto dipende dall’avanzamento del Bitcoin. Il nostro parere è semplice: Bitcoin sta vincendo la corsa all’adozione, in particolare come riserva di valore in un ambiente che favorisce le ‘quasi-valute’ indipendenti”.

Per Bloomberg la volatilità è destinata a diminuire e i 6.000 USD sono considerati il supporto più basso da tenere in considerazione in caso di mercato negativo, mentre i 10.000 USD sono la resistenza più alta per Bloomberg.

Previsioni del prezzo di bitcoin Bloomberg cauta

Da notare che nel 2019 il picco di prezzo del bitcoin fu di 13.685 USD il 26 giugno, quindi ben oltre le previsioni di Bloomberg per il 2020, che appaiono quindi essere prudenti. O, quanto meno, disegnano uno scenario meno volatile e con un prezzo che si manterrà approssimativamente nella forchetta 6 – 10 mila USD, nella quale il BTC si trova ormai da agosto 2019.

Sostanzialmente quello che sembra dirci l’analista dell’autorevole servizio di analisi, è che il 2020 sarà un anno tranquillo e senza scossoni. Ma questo a patto che le escalation in Medio Oriente e in Libia non creino situazioni di apprezzamento improvvise, come quelle di questi giorni. Naturalmente i ribassi sono sempre possibili.

E le altre criptovalute

Tutte le altre continuano a pendere dalle labbra di bitcoin, anzi, continueranno a mantenersi a livelli bassi e le attenzioni principali saranno rivolte al “Re” delle criptomonete. I sudditi, le altcoin, dovranno accontentarsi delle briciole nel 2020. Questo sembra suggerirci il report di Bloomberg. Ad ogni modo, da tenere in considerazione le previsioni di: Ethereum, XRP, Litecoin e Stellar.

Le mire di Coinbase nei confronti dei trader professionisti

Coinbase Pro ha una nuova app per Android, che raggiunge 100 nazioni che possono fare trading con le criptovalute e verificare come si muove il portfolio personale. L’applicazione fornisce 50 coppie di trading e completa per gli investitori professionisti l’offerta mobile di Coinbase Pro, dopo il lancio dell’applicazione per iOS nell’ottobre del 2019.

Coinbase conferma quindi la sua strategia di qualità, rivolta a un pubblico di investitori professionali e competenti che richiedono applicazioni da utilizzare ovunque si trovino, nel tempo libero compreso. Ora il crypo trading per gli esperti è servito, in attesa che le previsioni di Bloomberg sul prezzo di bitcoin si avverino e, anzi, siano ben più rosee. Almeno gli “Hodler” sperano.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: