Italia markets open in 4 hours 47 minutes
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,09 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,88 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    26.130,00
    +192,79 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    0,9824
    +0,0023 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    19.537,18
    -273,85 (-1,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    436,58
    -6,85 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    17.230,13
    +7,30 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     

BMW M Hybrid V8: l’otto cilindri ibrido debutta nella corse

(Adnkronos) - BMW M Hybrid V8 sarà impegnata a partire dal 2023 nella classe IMSA GTP del WeatherTech SportCar Championiship.

La potente BMW M Hybrid V8 è alimentata da un motore turbo a otto cilindri (sigla P66/3) abbinato ad un’unità elettrica, il propulsore a combustione interna è quello utilizzato nel DTM sulla M4 nella stagione 2017/2018.

Durante la fase di ricostruzione è stato sottoposto a una serie di test e regolazioni al fine di soddisfare i requisiti del sistema di trazione ibrida LMDh.

Ulrich Schulz, Head of Drivetrain Design at BMW M Motorsport ha dichiarato: “Durante la fase di valutazione, abbiamo preso in considerazione anche il motore turbo a quattro cilindri P48 della BMW M4 DTM e il motore turbo a otto cilindri P63 della BMW M8 GTE, ma i potenziali problemi di durata del P48 e il peso elevato del P63 non li rendevano l’opzione giusta. È un grande vantaggio aver potuto utilizzare materiali già esistenti, come l'acciaio e l'alluminio, provenienti dai tempi della BMW in Formula 1, per la base del motore e per i singoli componenti, come alberi, alloggiamenti e piccole parti. Questo ci ha permesso di risparmiare tempo e denaro e quindi di essere efficienti e sostenibili. L'efficienza è un fattore critico per questo progetto, poiché abbiamo un periodo di tempo molto breve a disposizione tra l'avvio e la prima gara a Daytona nel 2023. La conversione del motore aspirato P66/1 in un bi-turbo e la successiva collaborazione con i colleghi della trasmissione elettrica per trasformarlo in un sistema di trazione ibrido sono state molto complesse. Grazie alla competenza, alla grande collaborazione e all'alto livello di motivazione di tutti i reparti, siamo riusciti a completare l'unità motrice solo poche settimane fa. Ora sentiamo che nulla ostacola il collaudo".

Dopo aver convertito il motore aspirato P66/1 DTM in uno intermedio ribattezzato P66/2 e averlo dotato di un doppio turbocompressore e della regolazione della trasmissione a manovella, il Team BMW M Motorsport si è concentrato sull’affidabilità, sull’aumento delle prestazioni e sulla gestione della temperatura del motore.

Dopo aver completato i test è stato creato un motore da corsa, il P66/3, adeguato alle specifiche del telaio Dallara, con sistema di scarico sportivo, serbatoio olio e cablaggio per l’alta tensione. Il blocco motore e le teste dei cilindri sono stati realizzati nella fonderia BMW Group a Landshut in Germania, ricostruito l’intero sistema di iniezione diretta.

Il V8 biturbo sprigiona una potenza massima di 640 cavalli per 650 Nm di coppia, l’iniezione diretta ad alta pressione raggiunge i 350 bar, al fine di garantire la massima affidabilità anche nell’utilizzo più gravoso e impegnativo, la vettura è stata dotata di un sistema a carter secco con pompa di scarico dell’olio a sei celle e serbatoio separato.