Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    15.075,28
    +223,71 (+1,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

BNP Paribas, calo utile trim3 inferiore a stime

·2 minuto per la lettura
Un logo BNP Paribas presso una filiale della banca a Nantes, in Francia
Un logo BNP Paribas presso una filiale della banca a Nantes, in Francia

PARIGI (Reuters) - BNP Paribas, prima banca francese, ha riportato oggi un calo dell'utile netto per il terzo trimestre inferiore rispetto alle stime, grazie all'incremento dei ricavi provenienti dalle attività di trading.

I volumi più alti di trading hanno aiutato buona parte delle principali banche europee a riportare risultati oltre le attese nel terzo trimestre, fornendo anche un outlook più ottimista sulle perdite provenienti dai prestiti, dovute all'impatto finanziario del Covid-19.

BNP Paribas ha riportato un utile netto di 1,89 miliardi di euro, in calo del 2,3% dallo stesso periodo nel 2019. I ricavi sono rimasti quasi invariati, a 10,89 miliardi di euro.

Gli analisti avevano previsto un utile netto intorno a 1,57 miliardi e ricavi intorno a 10,66 miliardi, secondo le stime IBES fornite da Refinitiv.

I ricavi da proprie operazioni bancarie corporate proprie e istituzionali sono aumentati del 17,4%, mentre quelli da trading a reddito fisso hanno visto un balzo del 36% "con un buon livello di attività da parte dei clienti nei mercati dei tassi e del forex".

I maggiori ricavi provenienti dalle sottoscrizioni a bond e equity hanno stimolato ulteriormente i risultati, con le banche che si sono affidate ai mercati per rinforzare i propri bilanci.

BNP Paribas ha detto che la ripresa economica nel terzo trimestre è graduale, con slancio differente a seconda della regione o del settore.

I costi dei rischi, che riflettono gli accantonamenti per prestiti che potrebbero deteriorare, sono cresciuti del 47% su base annua a 1,24 miliardi, a livelli inferiori rispetto al secondo trimestre o alle stime degli analisti.

L'utile netto nei primi nove mesi è in calo del 13,4%, al di sopra della guidance sull'utile annuale, compresa tra -15% e -20%. La banca non ha modificato questo range.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)