Italia markets close in 46 minutes
  • FTSE MIB

    24.485,34
    -233,47 (-0,94%)
     
  • Dow Jones

    34.160,64
    -186,39 (-0,54%)
     
  • Nasdaq

    11.151,23
    -75,13 (-0,67%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    75,72
    -0,56 (-0,73%)
     
  • BTC-EUR

    15.537,31
    -505,71 (-3,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,08
    -2,21 (-0,58%)
     
  • Oro

    1.746,90
    -7,10 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,0409
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.998,32
    -27,80 (-0,69%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.940,85
    -21,56 (-0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8637
    +0,0042 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    0,9835
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3974
    +0,0068 (+0,49%)
     

Bnp Paribas, utile trim3 sopra attese nonostante aumento costi

Il logo di Bnp Paribas

PARIGI (Reuters) - Bnp Paribas, il più grande istituto di credito della zona euro, ha registrato un utile netto superiore alle attese nel terzo trimestre, grazie ai ricavi da trading che hanno contribuito a compensare l'aumento dei costi e i minori ricavi nelle operazioni di finanziamento.

L'utile netto nei tre mesi fino a fine settembre è aumentato del 10,3% rispetto a un anno prima a 2,76 miliardi di euro, sopra la stima media di 2,36 miliardi prevista dagli analisti in un sondaggio Refinitiv. I ricavi sono aumentati dell'8% a 12,3 miliardi

L'aumento è stato trainato principalmente da un incremento del 14,7% dei ricavi dei mercati globali, con la volatilità dei mercati che ha favorito in particolare il trading su derivati, materie prime, tassi, cambi e in mercati emergenti. Anche i servizi equity e prime, un'area in cui Bnp si sta espandendo, hanno registrato un piccolo aumento dei ricavi.

Tuttavia, i proventi dell'investment banking sono stati colpiti dai markdown di posizioni invendute relative ad operazioni di leveraged finance.

Bnp Paribas ha detto che i costi operativi sono aumentati del 6% rispetto all'anno precedente includendo l'impatto dei costi di ristrutturazione e di IT, mentre un aumento del 34% del costo del rischio è dovuto a una posta negativa straordinaria di 200 milioni di euro in Polonia, dove una moratoria ha permesso la sospensione del pagamenti dei mutui.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Andrea Mandalà)