Italia markets close in 7 hours 39 minutes
  • FTSE MIB

    27.154,70
    +16,72 (+0,06%)
     
  • Dow Jones

    35.719,43
    +492,40 (+1,40%)
     
  • Nasdaq

    15.686,92
    +461,76 (+3,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • Petrolio

    71,70
    -0,35 (-0,49%)
     
  • BTC-EUR

    44.672,99
    -1.065,50 (-2,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.309,95
    -11,33 (-0,86%)
     
  • Oro

    1.788,10
    +3,40 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1284
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.686,75
    +95,08 (+2,07%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.283,97
    +7,77 (+0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8521
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0435
    +0,0017 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4265
    +0,0018 (+0,13%)
     

Bolton: a 100% tonno da pesca responsabile entro il 2024

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 ott. (askanews) - Passare entro il 2024 passare dall'attuale 70% al 100% di tonno da pesca responsabile, ovvero certificato MSC o proveniente da sostanziali progetti di miglioramento delle attività di pesca (robust and comprehensive FIP); entro il 2025 passare dall'attuale 87% al 100% di imballaggi riciclabili entro il 2025 e usare il 40% di plastica riciclata o biobased per le confezioni dei propri prodotti, riducendo gradualmente il rapporto tra packaging vergine e prodotto finito; diminuire, nei prossimi 5 anni, del 20% le emissioni di gas serra per ogni tonnellata di prodotto, anche passando dall'attuale 85% al 100% di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili. Sono alcuni degli impegni indicati nel terzo Bilancio di Sostenibilità pubblicato da Bolton Group, impresa familiare multinazionale italiana, specializzata nella produzione e nella commercializzazione di beni di largo consumo.

Tra gli altri obiettivi indicati nel report ci sono il raggiungimento di "Zero rifiuti" in discarica al 2025 -già oggi il 95% dei rifiuti del - ruppo sono riciclati o recuperati; e di produrre entro il 2025 esclusivamente creme solari conformi al Hawaiian Reef Bill, la regolamentazione introdotta per proteggere i coralli dal rischio di sbiancamento legato ad alcuni specifici ingredienti presenti nei solari.

Per quanto riguarda infine gli impegni di responsbilità sociale il gruppo punta a raggiungere in 5 anni più di mezzo milione di giovani svantaggiati attraverso progetti educativi con l'obiettivo di supportare situazioni fragili e, talvolta, contrastare la dispersione scolastica. Nel 2020 sono stati oltre 185.000 i ragazzi coinvolti e fino a oggi, sono stati investiti fino a 15 milioni di euro per supportare le fasce delle comunità locali maggiormente in difficoltà.

Gli impegni enunciati nel Bilancio Sociale di Bolton si inseriscono in un percorso pluriennale responsabilità sociale d'impresa. Bolton Group infatti ha, da tempo, integrato i temi della responsabilità sociale e della sostenibilità ambientale in un unico programma, "We Care", fondato su tre pilastri: l'approvvigionamento delle materie prime e del packaging, la produzione di prodotti a marchio e il benessere delle comunità in cui opera. Un percorso sviluppato con la costante collaborazione di organizzazioni come WWF, Oxfam, Save the Children, Banco Alimentare, Valore D e We World. "Spesso gli attuali modelli di produzione e consumo rappresentano una minaccia per l'ambiente e una fonte di squilibrio per la società e per l'economia - dice Marina Nissim, executive chairwoman di Bolton Group - Noi crediamo di avere una grande responsabilità attraverso i nostri prodotti: generare un valore da condividere in modo equo tra tutti gli attori della filiera e delle comunità. Questo pensiamo che sia il migliore contributo che, come azienda di marca, possiamo dare alla sostenibilità. Intendiamo trasformare progressivamente il nostro modello d'impresa in modo che abbia un impatto positivo per il sistema ambientale e sociale. Dando alla dimensione sociale, inoltre, la stessa rilevanza che si è cominciata a dare a quella ambientale, affinché si raggiunga un rinnovato equilibrio nel sistema complessivo della produzione e del consumo".

"La sostenibilità ispira tutte le nostre scelte strategiche e operative - aggiunge Giuseppe Morici, chief executive officer di Bolton Group -. Ne sono una dimostrazione le recenti acquisizioni di Tri Marine e Wild Planet negli Stati Uniti, aziende della filiera e industria delle conserve ittiche, con un forte impegno in termini di approvvigionamento responsabile delle materie prime e con una particolare sensibilità ai temi della responsabilità d'impresa. Moltissimo resta ancora da fare e non tutte le soluzioni sono ancora a disposizione dell'industria per poter risolvere i problemi epocali che abbiamo di fronte. Il nostro Gruppo, tuttavia, si impegna a percorrere questa strada con determinazione, fiduciosi che innovazione e passione riusciranno a farci raggiungere obiettivi ambiziosi". (nella foto: Marina Nissim, executive chairwoman di Bolton Group)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli