Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.384,86
    +1.894,78 (+4,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Bonometti: digitalizzare imprese non basta, deve farlo anche Pa

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - "Non possiamo digitalizzare e innovare le imprese soltanto, ma anche il sistema in cui le imprese operano come la Pubblica amministrazione, altrimenti avremmo due velocità: le imprese che vanno alla velocità della luce che la Pa che fa da freno allo sviluppa e alla crescita". Lo ha detto il presidente di Confindustria Lombardia, Marco Bonometti, durante l'evento digitale "Innovation Days - La fabbrica del futuro" organizzato dal Sole 24 Ore e Confindustria.

"Digitalizzare e innovare la Pa significa rendere più competitivo il Paese, vuol dire dare risposte in tempi certi. Tutta queste evoluzione passa delle competenze, un nodo decisivo, visto che quattro imprese su dieci non le trovano. Ci troviamo di fronte a progetti di innovazione che non riusciamo e sviluppare e non diamo risposte alla disoccupazione giovanile. Dobbiamo riscoprire la funzione della scuola professionale" ha osservato ancora Bonometti.

"È affascinante e entusiasmante parlare di fabbrica del futuro, di impresa e di lavoro, bisognerebbe parlarne nelle scuole, far capire cos'è la fabbrica. Gli industriali lombardi ancora una volta vogliono essere protagonisti con le vaccinazioni, proprio per risolvere il problema fondamentale della salvaguardia della salute dei propri collaboratori, e sono pronti anche per sfidare le difficoltà e cogliere le opportunità che hanno di fronte, ma gli industriali da soli non riescono a farlo, tutti gli attori economici e istituzionali devono essere disponibili a cambiare" ha ribadito.