Italia markets open in 8 hours 7 minutes

Bonomi: imprenditori soli, reazioni a minacce lente e non corali

Mlp

Roma, 1 lug. (askanews) - "Come imprenditori, negli ultimi giorni abbiamo purtroppo osservato che le reazioni alle minacce, ai proiettili, alle scorte di sicurezza disposte, sono state lente e non corali, non ferme e unanimi. E' una constatazione che rafforza i molti segnali degli ultimi mesi, in cui le imprese si sono sentite sole". A denunciarlo, in una lunga lettera al Messaggero, il presidente di Confindutria, Carlo Bonomi. Negli ultimi giorni hanno ricevuto minacce il presidente di Confindustria Lombardia, Marco Bonometti, e il presidente do Confindustria Bergamo, Stefano Scaglia.

Bonomi lancia quindi un appello: "quello che abbiamo imparato dalla lotta al terrorismo non va dimenticato. Dagli anni Settanta, ogni qualvolta crisi profonde hanno colpito la nostra economia e societ, la violenza ha preso piede, arruolato sostenitori e mietuto vittime approfittando delle divisioni sociali che, da dialettica fisiologica democratica, diventavano patologie senza controllo. Questa volta va evitato. E non bastano l'unit e la fermezza delle istituzioni. Contro ogni violenza, anche le forze dell'impresa e del lavoro devono essere totalmente solidali".

Bonomi, poi, aggiunge: "Non vorremmo che all'alzarsi dei toni contribuisse anche un forte e rischioso equivoco. E cio che spiaccia a molti che le imprese, davanti alla pi grande crisi economica del dopoguerra, consapevoli del fatto che le decisioni che l'Italia deve assumere avranno conseguenze per molti anni, avanzino con grande chiarezza e fermezza di toni le proprie proposte, e anche le proprie critiche".