Italia markets open in 2 hours 31 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1716
    -0,0015 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    38.949,54
    -2.248,67 (-5,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.140,18
    -85,35 (-6,96%)
     
  • HANG SENG

    23.955,18
    -965,58 (-3,87%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Bonomi: preoccupa escalation commodity, a rischio slancio ripresa

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 set. (askanews) - "Confindustria sta monitorando con preoccupazione l'escalation congiunturale dei prezzi delle principali commodity e, tra queste, il prezzo dell'energia elettrica, aumentato di oltre l'80% rispetto a gennaio di quest'anno, quello del gas naturale da cui dipende il prezzo dell'energia elettrica aumentato di oltre il 100% rispetto a gennaio e, infine, il prezzo della Co2 cresciuto di oltre il 70%". A lanciare l'allarme è il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, in occasione dell'assemblea di Elettricità Futura.

"Queste tensioni di mercato - ha osservato Bonomi - devono essere comprese nei loro fattori di origine e gestite di conseguenza, non devono farci arretrare rispetto agli obiettivi di sostenibilità rispetto alle generazioni future, nè mettere a repentaglio lo slancio produttivo del Paese, soprattutto in questa delicata fase di ripresa". Bisogna, in sostanza, "mettere assieme tutte le forze per affrontare il cambio di paradigma del settore energetico, ormai irreversibile, con soluzioni ponderate".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli