Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.950,74
    -149,88 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    33.926,01
    -127,93 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    12.006,96
    -193,86 (-1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.509,46
    +107,41 (+0,39%)
     
  • Petrolio

    73,23
    -2,65 (-3,49%)
     
  • BTC-EUR

    21.692,71
    -291,08 (-1,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    535,42
    -1,43 (-0,27%)
     
  • Oro

    1.865,90
    -50,40 (-2,63%)
     
  • EUR/USD

    1,0797
    -0,0114 (-1,05%)
     
  • S&P 500

    4.136,48
    -43,28 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    21.660,47
    -297,89 (-1,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.257,98
    +16,86 (+0,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8954
    +0,0038 (+0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9993
    +0,0030 (+0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,4454
    -0,0067 (-0,46%)
     

Bonus 200 euro, ultimo giorno per richiederlo: a chi spetta e come ottenerlo

Bonus 200 euro, ultimo giorno per richiederlo: a chi spetta e come ottenerlo
Bonus 200 euro, ultimo giorno per richiederlo: a chi spetta e come ottenerlo

Il 30 novembre 2022 è l'ultimo giorno per poter richiedere il bonus una tantum da 200 euro previsto dal decreto legge 50/2022. Ultime ore a disposizione per lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali Inps o alla Casse previdenziali per poter presentare la domanda che, dopo una valutazione da parte degli enti, porterà all'accredito del sostegno.

Bonus 200 euro, a chi è rivolto

Come detto il bonus è rivolto a tutti quei lavoratori autonomi o professionisti iscritti alle gestioni previdenziali, ma con delle limitazioni. A poter presentare domanda, infatti, sono quei professionisti che nel periodo di imposta 2021 hanno un reddito complessivo lordo non superiore a 35.000 euro e non devono aver fruito del bonus 200 euro disciplinato dagli articoli 31 e 32 del decreto Aiuti. Se i richiedenti, nel medesimo periodo d’imposta, hanno percepito – e quindi dichiarino – un reddito complessivo lordo non superiore a 20.000 euro, in base al decreto legge Aiuti-ter, l’indennità è maggiorata di 150 euro, per un importo complessivo di 350 euro.

LEGGI ANCHE: Manovra, 700 scuole verso la chiusura? Cos'è il dimensionamento scolastico

I richiedenti, al 18 maggio 2022, devono inoltre:

  • essere già iscritti alla gestione autonoma;

  • essere titolari di partita IVA attiva;

  • aver versato almeno un contributo nella gestione d’iscrizione per il periodo di competenza dal 1° gennaio 2020 (con scadenza di versamento al 18 maggio 2022)

VIDEO - Bonus 150 in arrivo a novembre. Ecco a chi è destinato

Bonus 200 euro, come presentare la domanda

Ma come presentare la domanda? Quella di mercoledì 30 novembre 2022 è l'ultima giornata utile per inoltrare la richiesta che può essere fatta in due diversi modi in base alla gestione previdenziali alla quale il lavoratore è iscritto. Se il lavoratore è iscritto contemporaneamente a una delle gestioni previdenziali dell'Inps e a uno degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza, la domanda di accesso all'indennità una tantum dovrà essere presentata esclusivamente all'Inps.

LEGGI ANCHE: Pos obbligatorio, il Governo cambia idea: il nuovo limite è a 60 euro

In questo caso la domanda può essere inoltrata tramite il servizio online “Indennità una tantum 200 euro – Domanda”, accessibile anche tramite il Punto d'accesso alle prestazioni non pensionistiche. Una volta autenticati con le proprie credenziali, sarà necessario selezionare la categoria di appartenenza per la quale si intende presentare domanda fra quelle indicate. In alternativa al servizio online, l'indennità può essere richiesta tramite i patronati o il Contact center, telefonando al numero verde 803.164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06.164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

Il lavoratore autonomo iscritto esclusivamente presso altri enti di previdenza obbligatoria, potrà trasmettere invece la richiesta direttamente a questi ultimi.

LEGGI ANCHE: Governo, le novità più attese della nuova manovra: chi risparmierà di più