Italia markets close in 5 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    21.435,93
    +81,28 (+0,38%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    107,87
    -0,56 (-0,52%)
     
  • BTC-EUR

    18.512,70
    +200,81 (+1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    415,71
    -4,43 (-1,05%)
     
  • Oro

    1.808,00
    +6,50 (+0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0448
    +0,0022 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.830,35
    -29,44 (-0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.468,40
    +20,09 (+0,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8613
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0016
    +0,0013 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,3417
    -0,0017 (-0,12%)
     

Bonus busta paga, chi riceverà altri 75 euro al mese e per quanto

(Adnkronos) - Un altro bonus 2022 in busta paga? Mentre sono state avviate le procedure per il pagamento del bonus 200 euro - i primi a riceverlo saranno i pensionati e poi toccherà ai lavoratori dipendenti (previa la consegna di un’autocertificazione) - il governo si sta interrogando su come riconoscere una maggiore liquidità agli italiani visto che il caro prezzi non accenna a fermarsi. Ulteriori misure verranno prese con quello che dovrebbe essere il decreto luglio, un provvedimento con cui oltre a mettere mano agli stipendi si cercherà di limitare l’aumento delle bollette e dei carburanti.

Come spiega Money.it, per quanto riguarda gli stipendi, con questo provvedimento dovrebbe essere approvato un taglio provvisorio del cuneo fiscale, aumentando così la retribuzione netta a parità di lordo. Ricordiamo, infatti, che con il termine cuneo fiscale si intende l’insieme delle imposte e dei contributi che aziende e lavoratori pagano sullo stipendio. Più questo si riduce, quindi, e più si assottiglia la differenza che c’è tra lordo e netto.

Nel dettaglio, il nuovo taglio potrebbe esserci per le ultime quattro buste paga dell’anno, quindi da settembre a dicembre. Il tutto a fronte di una percentuale del 4%, con i lavoratori che guadagneranno dai 50 ai 75 euro netti in più al mese. In totale, quindi, un bonus complessivo che va dai 200 ai 300 euro, a seconda dei casi.

Va detto, però, che tale misura sarebbe riservata a coloro che già stanno godendo del bonus contributi, ossia solo chi ha un reddito da lavoro dipendente lordo non superiore a 35mila euro. Per lo Stato si tratterebbe di un esborso di 2,5 miliardi di euro, con la promessa che - come richiesto ad alta voce da Confindustria - per il 2023 si rifletterà su una riforma strutturale così da ridurre definitivamente il costo del lavoro in Italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli