Italia markets close in 5 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    21.085,30
    +18,75 (+0,09%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,46
    -0,28 (-0,36%)
     
  • BTC-EUR

    19.798,72
    -113,41 (-0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    437,11
    -7,43 (-1,67%)
     
  • Oro

    1.649,30
    -6,30 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    0,9644
    -0,0044 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.333,43
    -15,17 (-0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,9020
    +0,0086 (+0,97%)
     
  • EUR/CHF

    0,9548
    +0,0039 (+0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,3165
    -0,0004 (-0,03%)
     

Bonus carburante autotrasportatori, domande al via: come richiederlo

(Adnkronos) - Bonus carburante al via per gli autotrasportatori che, dalle 15 di oggi e per i prossimi 30 giorni, potranno richiedere il beneficio per le spese sostenute nel periodo tra gennaio e marzo 2022. La misura è stata introdotta con il decreto Aiuti e consiste in un credito di imposta pari al 28% al netto dell’Iva, per l’acquisto di carburante impiegato su mezzi diesel di categoria Euro 5 o superiore, di massa totale pari o superiore a 7,5 tonnellate.

Sarà possibile fare domanda sulla piattaforma messa a disposizione dall’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Stanziati circa 497 milioni di euro.

Possono richiedere l’agevolazione le imprese che hanno sede legale o stabile organizzazione in Italia e sono iscritte all’Albo nazionale degli autotrasportatori e al Registro elettronico nazionale per l’anno 2022 al momento della presentazione della domanda. Le imprese che vogliono richiedere il credito d’imposta devono anche essere impegnate in attività di logistica e trasporto di merci per conto di terzi.

Per accedere alla piattaforma predisposta dall’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, bisognerà usare le credenziali di identità digitale SPID, CIE o CNS. Le risorse messe a disposizione ammontano in totale a circa 497 milioni di euro