Italia Markets open in 2 hrs 27 mins

Bonus mamma domani, tutto quello che bisogna sapere

webinfo@adnkronos.com

Il bonus mamma domani 2020 è un sussidio economico dato tramite erogazione di denaro che si rivolge alle mamme o anche alle donne in stato di gravidanza. La misura, già in vigore nel 2019, sarà prorogata per l’anno seguente grazie alla nuova Legge di Bilancio. 

Il bonus conferito, evidenzia notizie.it, è un aiuto economico destinato ad aiutare le mamme a poter affrontare più serenamente le spese di diagnostica durante la gravidanza. Inoltre, può risultare utile per l’acquisto di prodotti per la prima infanzia durante i primi mesi del nascituro. 

Bonus mamma domani 2020: i requisti richiesti - Il bonus mamma domani può essere richiesto dalle donne in stato di gravidanza che partoriscono o che hanno partorito nel corso dell’anno corrente e che soddisfino i seguenti requisiti: cittadine comunitarie o di origine italiana che abbiano comunque residenza in Italia; donne con cittadinanza non comunitaria, ma che siano rifugiate politiche o sotto protezione sussidiaria; cittadine non comunitarie ma con permesso di soggiorno UE per lungo periodo. 

L’importo del bonus e le condizioni di erogazione - Il bonus vale 800 euro e può essere erogato solo quando si presenta una delle condizioni seguenti: il settimo mese di gravidanza è già stato compiuto; la donna ha partorito, anche prima dell’ottavo mese di gestazione; si procede per adozione nazionale o internazionale di un minore; si verifica un affidamento preadottivo nazionale o internazionale. Il premio di 800 euro previsto da questo bonus può essere conferito solo una volta, in un’unica soluzione. Nel caso di gravidanza gemellare sarà necessario fare due domande per avere poi diritto a due assegni differenti da 800 euro. 

Bonus mamma domani 2020: come fare domanda - Analogamente a tutti i bonus famiglia, la domanda per il bonus mamma domani può essere presentata online direttamente all’Inps, ma anche contattando il call center dedicato. Oppure, più semplicemente, ci si può recare presso un ente di patronato o presso altri intermediari dell’Inps, o ricorrere ai servizi online degli stessi. 

Le possibili situazioni di presentazione della domanda - Qualora la domanda per ottenere il bonus di 800 euro venga effettuata per via telematica, vanno allegati una serie di documenti: innanzitutto una certificazione fatta da un medico specialista nell’ambito del servizio sanitario nazionale, che attesti che la gravidanza abbia compiuto i sette mesi o che li abbia superati. 

Nel caso in cui la domanda sia presentata dopo la nascita del bambino, sarà necessaria una autocertificazione della mamma che riporti la data del parto e le generalità del neonato. 

Se si tratta di una mamma che sta adottando o ricevendo in affidamento preadottivo e alleghi la sentenza definitiva che lo attesti, potrà ricevere più velocemente una risposta affermativa; in caso contrario, invece, dovrà riportare nella domanda il tribunale, la data e il numero di deposito in cancelleria. Nel momento in cui a fare domanda è una donna comunitaria senza i documenti relativi al permesso di soggiorno, sarà necessario allegare alla domanda i dati che permettano l’identificazione da parte dell’Inps. Qualora si sia presentata la domanda al compimento del settimo mese di gravidanza, non sarà necessario presentare una seconda domanda al momento della nascita del bambino. Questa domanda può essere effettuata e quindi anche erogata senza limiti di reddito, quindi può essere richiesto da tutte le donne che abbiano i requisiti illustrati precedentemente. 

Gli scopi del bonus mamma domani - Il bonus mamma domani 2020, detto anche premio alla nascita, è pensato per incentivare le famiglie a creare un nucleo familiare maggiore. In tal modo si cerca di aiutare le donne a non demoralizzarsi e ad affrontare al meglio le spese di diagnostica, spesso ignorate per mancanza di denaro. In questo modo il bonus, così come gli altri relativi alla famiglia, ha lo scopo di incentivare l’incremento demografico del Paese. Ultimamente, infatti, l’Italia soffre di un basso tasso di natalità: di conseguenza, è utile puntare sulle agevolazioni per la genitorialità.