Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.333,52
    +209,24 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,1417
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    36.983,49
    -1.244,11 (-3,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.013,06
    -12,67 (-1,24%)
     
  • HANG SENG

    24.218,03
    -165,29 (-0,68%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Bonus Renzi 2022, chi ha diritto ai 100 euro in più in busta paga

·2 minuto per la lettura

Ve li ricordate i 100 euro in più in busta paga introdotti dal Decreto Renzi del 2014? La misura, diventata strutturale con la Legge di Bilancio del 2015, prevedeva in realtà inizialmente un contributo economico di 80 euro per i lavoratori dipendenti, che poi negli anni successivi è salito a 100 euro, ed era riservata ai contribuenti con un reddito complessivo non eccedente i 28.000 euro. Con la nuova Legge di Bilancio del 2022, di cui abbiamo parlato qui, sono state introdotte modifiche anche al Bonus Renzi in questione. 

VIDEO - Cos’è il “bonus Renzi”

Ecco cosa cambia, punto per punto:

- L'ex Bonus Renzi si concretizza in un credito d’imposta (detto anche “trattamento integrativo”) pari a 1.200 euro netti annui (100 euro medi mensili) riconosciuti in via automatica dal sostituto d’imposta in busta paga.

- L'integrazione dei 100 euro mensili continuerà ad essere riconosciuta ai lavoratori dipendenti con redditi fino a 15.000 euro.

- per quanto riguarda i dipendenti con redditi compresi fra i 15.000 e i 28.000 euro, il bonus potrebbe non essere più incluso nella busta paga oppure essere incluso in misura ridotta se altre detrazioni (familiari a carico, lavoro dipendente, mutuo prima casa e lavori edilizi) superano l’imposta lorda dovuta. 

- In altre parole, il bonus viene riconosciuto a patto che l'imposta lorda (calcolata applicando al reddito complessivo i vari scaglioni IRPEF, anch’essi oggetto di modifica da parte della Manovra) sia inferiore alla somma delle detrazioni citate fra parentesi.

- Il bonus non sarà tuttavia riconosciuto in misura “piena” pari a 1.200 euro netti annui (come avverrà, appunto, per chi ha un reddito complessivo fino a 15.000 euro) ma sarà “determinato in misura pari alla differenza tra la somma delle detrazioni ivi elencate e l’imposta lorda”.

- Dunque, per tutti i dipendenti con una busta paga annua del valore compreso fra i 15.000 e 28.000 euro, l’importo del bonus corrisponderà alla differenza tra la somma delle detrazioni sopra elencate e l’imposta lorda, comunque nel rispetto del tetto massimo di 1.200 euro, secondo questo calcolo:

"totale detrazioni per carichi di famiglia, lavoro dipendente ed assimilato, interessi passivi, spese sanitarie ed interventi di recupero edilizio – imposta lorda = trattamento integrativo".

LEGGI ANCHE: Congedo di paternità: cosa cambia nel 2022

VIDEO - Bonus psicologo, ecco cos’è e come funzionerebbe se venisse approvato

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli