Italia Markets close in 1 hr 14 mins
  • FTSE MIB

    22.168,51
    +161,11 (+0,73%)
     
  • Dow Jones

    30.085,44
    +115,92 (+0,39%)
     
  • Nasdaq

    12.420,97
    +43,79 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    45,90
    +0,26 (+0,57%)
     
  • BTC-EUR

    15.644,41
    -211,72 (-1,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    373,19
    -6,05 (-1,60%)
     
  • Oro

    1.842,70
    +1,60 (+0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2165
    +0,0016 (+0,1338%)
     
  • S&P 500

    3.684,06
    +17,34 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.530,52
    +13,42 (+0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8998
    -0,0028 (-0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0813
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5570
    -0,0047 (-0,30%)
     

Bonus Sud, le regole per ottenerlo

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Il bonus Sud consiste in una decontribuzione al 30% per le aziende situate nelle regioni del Meridione e le regole per ottenerlo le ha date Inps con la circolare n.122 del 22 ottobre 2020. Il bonus Sud come scrive Money.it, è stato introdotto dal decreto Agosto sotto forma di sgravio al 30% sulla contribuzione previdenziale complessivamente dovuta dai datori di lavoro privati e spetta dal 1° ottobre al 31 dicembre 2020, salvo la proroga per il 2021 che dovrebbe essere prevista dalla prossima Legge di Bilancio. Sono esclusi i premi e contributi dovuti all'Inail.

Possono accedere al bonus Sud tutti i datori di lavoro privati anche non imprenditori, a esclusione di quelli del settore agricolo o che stipulino contratti di lavoro domestico, a patto che la sede di lavoro (l'unità operativa presso cui sono denunciati i lavoratori nel flusso Uniemens) si trovi nelle 8 regioni che nel 2018 presentavano un Pil pro capite inferiore al 75% della media europea o tra il 75 e il 90%, e un tasso di occupazione inferiore alla media nazionale vale a dire: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia. Anche il datore di lavoro con sede legale (non unità produttiva) in altra regione può accedere al bonus Sud.

I datori di lavoro devono essere nelle seguenti condizioni: possesso del documento unico di regolarità contributiva; assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge; rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali. Il bonus Sud come decontribuzione al 30% è cumulabile con altri esoneri e nello specifico con altre agevolazioni di tipo contributivo come per esempio l'incentivo all'assunzione di over 50 disoccupati da almeno 12 mesi e di donne variamente svantaggiate o per l'assunzione a tempo indeterminato di giovani. È anche cumulabile con agevolazioni di tipo economico come per esempio l'incentivo all'assunzione di disabili o anche quello per l’assunzione dei beneficiari di Naspi. I datori di lavoro che vogliano ottenere il bonus Sud devono esporre, a partire dal flusso Uniemens di competenza ottobre 2020, i lavoratori per i quali spetta l'agevolazione secondo le indicazioni riportate nella circolare Inps del 22 ottobre.