Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.655,50
    +927,82 (+1,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Boom di prenotazioni al mare in Italia per le vacanze di quest’estate

Matia Venini
·3 minuto per la lettura
Boom di prenotazioni al mare in Italia per le vacanze di quest’estate
Boom di prenotazioni al mare in Italia per le vacanze di quest’estate

Il turismo si prepara a ripartire dopo un periodo difficile. Ma sono ancora molti i nodi da sciogliere, dal pass vaccinale alla quarantena

Vacanze. Una parola capace di regalare un po’ di serenità dopo un anno di chiusure, lockdown e colori regionali in cambiamento continuo. Con l’estate alle porte, gli italiani si stanno preparando a staccare la spina e stanno già prenotando i propri alloggi nelle strutture delle località balneari di tutto il Paese. La conferma arriva da Federbalneari Alberghi, associazione di categoria del turismo alberghiero del mare aderente a Federbalneari Italia, che indica come in diverse località costiere italiane ci sia già il tutto esaurito.

L’OTTIMISMO DI FEDERBALNEARI

Secondo Federbalneari Alberghi, “nonostante il panorama non sia ancora omogeneo e il nostro Paese stia perdendo quote di mercato stagionali e flussi turistici internazionali, ci sono ottimi segnali di prenotazioni domestiche per i mesi di luglio e agosto che lasciano presagire una stagione intensa per le strutture turistico ricettive nelle località balneari, che cominciano a scaldare i motori”.

IL GREEN PASS EUROPEO

La meta preferita dagli italiani per l’estate 2021 sembra essere la Sardegna, che ha prospettive di prenotazioni per luglio e agosto, mentre i mesi da aprile a giugno, solitamente prediletti dagli stranieri, al momento sono considerati quasi bruciati dagli operatori del settore, a causa delle restrizioni sul turismo internazionale. In questo contesto, è fondamentale accelerare l’iter per il green pass vaccinale europeo, atteso per fine giugno, che dovrebbe consentire ai cittadini europei che abbiano ricevuto la somministrazione di viaggiare liberamente per il continente.

I TURISTI AMERICANI

“Ci aspettiamo da parte del ministro del turismo Garavaglia una forte accelerazione sul documento speciale a livello Europeo che consentirà spostamenti internazionali a prova di Covid”, ha dichiarato il presidente di Federbalneari Italia Marco Maurelli. Per quanto riguarda invece la situazione di chi arriva fuori dal Vecchio Continente, la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha annunciato al New York Times che i turisti statunitensi completamente vaccinati quest’estate potranno viaggiare in Europa.

IL NODO QUARANTENA

Nonostante ci sia ottimismo per la ripartenza estiva del turismo, rimangono ancora alcuni nodi da sciogliere: il pass vaccinale, appunto, ma anche la quarantena. L’ordinanza ora in vigore prevede, per arrivi e rientri da Paesi dell’Unione Europea, tampone in partenza, quarantena di cinque giorni e ulteriore tampone alla fine dell’isolamento. Per chi arriva da Stati fuori dall’Unione Europea, il periodo sale a dieci giorni.

LA CONCORRENZA

L’Italia deve inoltre guardarsi dalla concorrenza di Spagna e Grecia. Quest’ultima in particolare si è mossa per tempo, tanto da prevedere che entro la fine di maggio tutti gli abitanti di 69 isole saranno vaccinati, creando così delle zone turistiche sicure. Nel nostro Paese, questa idea ha incontrato prima il rifiuto della maggior parte dei governatori regionali e poi quello del commissario all’emergenza Figliuolo. L’unica a muoversi in questa direzione è stata Procida, che ha intenzione di completare la campagna di vaccinazione della popolazione entro maggio.