Italia markets close in 4 hours 18 minutes

Borsa, Capital Group: pandemie si risolvono, tornerà la normalità

Glv

Roma, 18 mar. (askanews) - Le pandemie hanno una fine e tutto poi torna alla normalità, compresi i mercati finanziari. Lo assicura Tim Armour, amministratore delegato di Capital Group, una delle più grandi società di servizi finanziari del mondo che gestisce asset per 2mila miliardi di dollari. "Abbiamo studiato la storia delle pandemie - afferma Armour - e i modelli che tendono a seguire. Di solito ci sono focolai e forti aumenti dei contagi, che durano per un po' di tempo ma poi si risolvono. Alla fine la diffusione del virus rallenta e le persone tornano alla normalità, e lo stesso dicasi per i mercati".

"Le persone sono comprensibilmente spaventate - spiega il Ceo di Capital Group - perchè si tratta di una nuova infezione e gli sviluppi futuri non sono chiari. Tuttavia, il passato è pieno di pandemie e di crisi di altro tipo, da cui mercati sono sempre usciti vivi. Oggi stiamo assistendo a una reazione per certi versi di panico e ci aspettiamo che nelle prossime settimane l'aumento del numero di casi continui ad allarmare molte persone".

Le probabilità di una recessione negli Stati Uniti "sono aumentate. Gli utili societari potrebbero diventare negativi nel primo trimestre, e questo continuerebbe a pesare sulla fiducia degli investitori. Sul versante positivo, l'economia americana resta tra le più resilienti al mondo e più volte ha dimostrato di sapersi riprendere dalle avversità. Non solo: in Cina la diffusione del virus sembra aver raggiunto il picco. Alla luce di questo, crediamo che il picco della diffusione a livello globale verrà toccato prima di quanto molti pensino".

Negli ultimi 40 anni "abbiamo attraversato diverse fasi di instabilità dei mercati, tra cui la crisi dei risparmi e dei prestiti di fine anni '80, la bolla tecnologica e telecom terminata a marzo del 2000 e la crisi finanziaria globale del 2008 e 2009. Ognuna di queste crisi è stata un caso a parte, con condizioni sottostanti profondamente diverse".

"Non crediamo sia realistico - sostiene l'ad - aspettarsi un recupero rapido. La situazione potrebbe facilmente peggiorare prima di migliorare. La fiducia degli investitori è fragile ed è probabile che rimarrà tale fino a che la diffusione del virus non rallenterà. Ma alla fine i mercati recupereranno quota, passerà anche questo. E quando sarà passato, gli investitori di lungo termine che riescono a ignorare il chiasso quotidiano e a concentrarsi sul lungo periodo saranno premiati".

"Dovremo probabilmente - aggiunge Armour - fare i conti con altre epidemie simili al Covid-19, e alla fine impareremo a gestirle. Ovviamente, benchè gli effetti siano ormai di portata mondiale, l'Asia ha gestito il Covid-19 per diverse settimane. In Cina, le persone cominciano a tornare al lavoro. Nella regione la situazione sembra essere più sotto controllo. È probabile che anche negli Stati Uniti e in Europa la situazione assumerà un andamento simile a un certo punto".