Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.355,97
    -1.657,89 (-5,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Borsa, Ftse Mib sopra la parità, spread in rosso

·2 minuto per la lettura

L’avvio positivo di Wall Street permette alle borse europee in generale, ed a Piazza Affari in particolare, di chiudere la seduta con il segno più. Indicazioni positive prima dell’avvio delle contrattazioni sulle borse Usa sono arrivate dall'aggiornamento relativo le nuove richieste di sussidio di disoccupazione,scese ai minimi dall’inizio della pandemia a 444 mila unità.

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha chiuso a 24.702,11 punti (+0,88%), le azioni Telecom Italia hanno terminato la seduta con un -0,21%. L’operatore ha chiuso il primo trimestre con un Ebitda “after lease” di 1,38 miliardi di euro, di poco sopra gli 1,37 stimati dagli analisti, ed un fatturato che, atteso a 3,05 miliardi, si è attestato a 3,75 miliardi. La società ha inoltre confermato la guidance.

Prese di beneficio dopo i recenti guadagni per l’accoppiata formata da Banco BPM e BPER, scese rispettivamente del -2,17 e dello 0,94%. Nel comparto, giornata di debolezza anche per Mediobanca e Intesa Sanpaolo (-0,25 e +0,15%) mentre UniCredit ha segnato un +0,43%.

Il ritracciamento del greggio, il future con consegna luglio scende di quasi un punto percentuale a 66 dollari il barile, ha favorito la prudenza su Tenaris (-0,62%) ed Eni (-0,16%).

Tra le aziende di pubblica utilità Enel ha guadagnato l’1,36%, Italgas è salita dell’1,21% ed Hera dell’1,34%.

Giornata positiva anche per Diasorin (+1,34%), che ha ricevuto dalla Food and Drug Administration statunitense l’autorizzazione all’uso di emergenza per il test Liaison SARS-CoV-2 TrimericS IgG, e per STMicroelectronics (+1,42%). Secondo quanto riportato dai giornali, il produttore di chip starebbe valutando l’acquisizione della norvegese Nordic Semiconductor.

Dal fronte titoli di Stato, decisa contrazione per lo spread, in calo del 6% a 111 punti base. A spingere al ribasso il dato ci ha pensato Christine Lagarde che, nel corso di un forum online, ha ribadito che la BCE non ha discusso, perché “prematuro”, alcun ridimensionamento del programma di acquisto lanciato per contrastare la pandemia. (in collaborazione con money.it)