Italia markets close in 5 hours 8 minutes

Borsa: il 2020 del Ftse Mib inizia in positivo

webinfo@adnkronos.com

Dopo un rialzo di oltre 30 punti percentuali nel 2019, anche il 2020 di Piazza Affari inizia con il segno più. Nella prima seduta dell’anno, il paniere principale del listino milanese, il Ftse Mib, è salito dell’1,4% a 23.836,26 punti sostenuto dai rumor sulla possibile firma dell’accordo di “fase uno” tra Stati Uniti e Cina il prossimo 15 gennaio. 

Nel comparto industriale spiccano le performance di Pirelli (+4,01%), uno dei pochi segni meno nel 2019 dell’indice delle blue chip, e di FCA (+1,23%) in attesa dei dati sulle immatricolazioni auto a dicembre. 

In particolare evidenza Italgas (+2,28%) dopo la notizia dell’aggiudicazione della gara per la gestione del servizio di distribuzione del gas naturale per i prossimi 12 anni nell'Ambito territoriale Valle d'Aosta. 

Ben comprato anche il comparto bancario, nonostante lo spread con i titoli “made in Germany” abbia fatto segnare un rialzo del 3,6% a 164,4 punti base. Tra gli istituti di credito, segnaliamo il +3,59% di UniCredit, il +1,38% di Intesa Sanpaolo, il +2,5% di BPER e il +1,9% di Mediobanca. 

Pesanti vendite su Atlantia (-3,03%), sempre vittima della questione relativa la revoca della concessione autostradale. Secondo quanto riportato da alcune testate, l’Anas, che dovrebbe ricevere l’incarico di gestire in prospettiva 3 mila chilometri di strade, potrebbe chiedere una sorta di “scudo penale” in caso di eventuali problemi futuri alle infrastrutture. (In collaborazione con money.it)