Italia markets close in 1 hour 18 minutes
  • FTSE MIB

    21.782,07
    -306,29 (-1,39%)
     
  • Dow Jones

    30.879,25
    -117,73 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.699,42
    +156,36 (+1,15%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,40
    +0,13 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    28.423,42
    +933,70 (+3,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    692,88
    +15,99 (+2,36%)
     
  • Oro

    1.855,10
    -1,10 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,2121
    -0,0053 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    3.853,77
    +12,30 (+0,32%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.561,60
    -40,81 (-1,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8873
    -0,0019 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0774
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5439
    -0,0060 (-0,39%)
     

Borsa: il 2020 di Piazza Affari si chiude in parità

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Il nostro Ftse Mib ha terminato l’ultima seduta del 2020 di poco sotto la parità. Grazie ad un +0,7% registrato nell’ultima settimana, il saldo del mese di dicembre segna un +0,82% mentre sull’intero anno si registra una contrazione di oltre 5 punti percentuali (-5,2%). Degno di nota è il fatto che, rispetto ai minimi fatti segnare a marzo, l’incremento messo a segno dal paniere delle blue chip è di poco inferiore ai 60 punti percentuali.

Nella seduta odierna il Ftse Mib si è fermato a 22.232,90 punti, -0,12% rispetto al dato precedente, mentre lo spread tra i decennali italiani ed i corrispondenti titoli tedeschi è sceso di quasi il 2% a 107 punti base. In particolare evidenza la performance delle azioni Saipem (+1,57%) dopo l’annuncio di un nuovo contratto in joint venture con Clough per uno stabilimento di urea in Australia. Il valore complessivo del contratto è di circa 2,4 miliardi di dollari (la quota di Saipem ammonta a circa la metà).

Nel comparto, chiusura di poco sotto la parità per Eni (-0,16%) che ha firmato un Memorandum of Understanding di cooperazione con la Repubblica Popolare Cinese. “Alla luce –riporta la nota del Cane a Sei Zampe- del comune obiettivo di sviluppo sostenibile e transizione energetica verso la decarbonizzazione, le Parti approfondiranno potenziali opportunità di collaborazione focalizzandosi su fonti energetiche a basse emissioni di carbonio, tecnologie avanzate e iniziative di economia circolare”.

Tra i bancari, segno meno per l’accoppiata formata da Intesa Sanpaolo (-0,38%) e UniCredit (-0,62%) mentre il Banco BPM ha terminato con un -0,11% dopo aver finalizzato la cessione pro-soluto di due distinti portafogli di crediti deteriorati, ceduti ad AMCO e Credito Fondiario e, ad altre controparti, di alcune posizioni Single Name.

Poco mosse le azioni FCA (-0,19%) e Juventus (-0,95%) dopo l’annuncio della prosecuzione al 2024 dell’accordo di sponsorizzazione con la squadra bianconera. L’intesa prevede un corrispettivo base annuo pari a 45 milioni di euro soggetto a determinate componenti variabili correlate ai risultati sportivi.

Denaro anche su Diasorin (+1,31%): DiaSorin Molecular ha ricevuto fondi federali Usa dalla Biomedical Advanced Research and Development Authority per richiedere la certificazione del test molecolare Simplexa Covid-19 Direct e per incrementarne la capacità produttiva. (in collaborazione con money.it)