Borsa italiana: fine della discesa?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
B8Z.BE1,730,82
P4I.BE2,440,00
BMPS.MI0,240,01
BPD.BE4,990,00

Forse la notizia del giorno è che la discesa dei listini si è arrestata, o quasi, nel senso che perlomeno su qualche Piazza europea è tornata a farsi vedere una freccia verde, di questi tempi è già molto.

Sembra così che la discesa delle Borse, all’indomani della riconferma di Obama, possa prendersi una pausa, il nostro indice principale ha “tenuto” quota 15.000 punti, rimbalzando in intraday e terminando sopra il minimo di giornata di quasi un punto e mezzo.

Il dato macro più importante in arrivo oggi dagli Usa è risultato decisamente positivo, si tratta dell’indice di fiducia del Michigan, arrivato a 84,9 punti, quindi salito ben oltre le attese. Un livello straordinariamente elevato, il più alto dal luglio 2007, quindi prima dell’inizio della crisi.

Oggi in Europa la Borsa peggiore è risultata Francoforte (-0,58%), più o meno sui nostri livelli Londra (-0,11%) e, invece, in rialzo Parigi (+0,47%). Attualmente Wall Street continua a risalire ed in particolare il Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) sembra molto tonico.

Il Ftse Mib (-0,09%) ha risentito, come spesso accade, della debolezza dei bancari, ma non sono mancati anche rialzi “pesanti” come ad esempio Finmeccanica (Xetra: A0ETQX - notizie) (+6,30%) che arresta la caduta ed ora sembra possa di nuovo puntare dapprima a quota 4 euro, e successivamente ai massimi dell’anno situati intorno ai 4.35 euro.

I dati della trimestrale hanno premiato Telecom Italia (Other OTC: TIAOF.PK - notizie) (+3,68%) che però era scesa a tali livelli che difficilmente avrebbe potuto proseguire il trend ribassista.

Bene (Stoccarda: A0LCPZ - notizie) anche Saipem (Other OTC: SAPMF.PK - notizie) (+1,90%), ma è ancora presto per capire se ci troviamo di fronte ad un’inversione di tendenza o solamente ad un rimbalzino.

Come sempre una seduta in controtendenza per Parmalat (Berlino: P4I.BE - notizie) (+1,40%) guidato da tempo nella forchetta 1,7/1,8 euro.

, In rialzo anche Mediaset (Dusseldorf: MDS.DU - notizie) (+1,35%) le cui quotazioni sono tutt’ora su valori ridicoli.

Guardando la classifica dal basso è da sottolineare il terzo forte ribasso consecutivo di Mediolanum (EUREX: 976622.EX - notizie) (-4,96%) che effettivamente nei giorni scorsi aveva raggiunto quotazioni decisamente elevate se rapportate al momento economico.

Nuovo capitombolo per Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) (-2,75%) che perlomeno, rispetto alla vigilia, oggi ha terminato le contrattazioni lontana dai minimi intraday.

Si ridimensiona anche Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) (-2,66%), ma anche questo lo riteniamo un calo “fisiologico”, una considerazione che facciamo anche per Atlantia (EUREX: AOPG.EX - notizie) (-2,64%).

Ed eccoci così alla sfilata delle Popolari con Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) (-2,21%), BpER (-2,03%), Banca MPS (Milano: BMPS.MI - notizie) (-1,84%) e Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) (-1,61%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.432,64 0,47% 11:36 CEST
Eurostoxx 50 3.128,71 0,34% 11:21 CEST
Ftse 100 6.571,56 0,19% 11:21 CEST
Dax 9.307,93 0,11% 11:21 CEST
Dow Jones 16.424,85 +1,00% 16 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati