Borsa italiana: Ftse Mib di nuovo sopra quota 16.000 punti

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AGL.MI6,63-0,1200
BMPS.MI0,4844-0,0531
PMI.MI0,588-0,0125
BZU.MDD16,41+1,030

Il nostro indice principale torna di nuovo sopra quota 16.000 punti, dopo quelle quattro sedute “da paura” dal 5 al 10 dicembre forse pochi avrebbero scommesso che, in così breve tempo, ci saremmo trovati di nuovo a questi livelli.

La seduta odierna ha visto cambiare l’umore per ben tre volte, dapprima una partenza razzo ci portava, dopo pochi minuti dall’apertura delle contrattazioni, a toccare il massimo di giornata a 16.023 punti, da qui si cominciava a scendere passando in territorio negativo, poi (siamo all’incirca intorno a mezzogiorno) si è tornati a crescere, quindi Wall Street dà l’accelerata decisiva fino al fixing, Ftse Mib (+0,61%) a 16.004,73 punti.

Ancora le Banche Popolari protagoniste, le parole di Draghi rassicurano gli investitori e le voci di possibili fusioni alimentano temi speculativi.

Oggi svetta Banca MPS (Milano: BMPS.MI - notizie) (+6,09%) dopo l’ok (temporaneo) dell’Ue agli aiuti di stato (i Monti Bond) per 3,9 miliardi di euro.

Alle sue spalle fa un “pieno” (minimo in apertura e massimo in chiusura) Fiat (+3,36%) dopo che già nella seduta di venerdì scorso, pur terminando con un ribasso, il titolo aveva chiuso ad un livello superiore rispetto a quello di apertura.

La somma delle quotazioni di Fiat (Milano: F.MI - notizie) e Fiat Ind. (+0,49%) ha superato nuovamente il livello dei 12 euro, niente male se teniamo conto della crisi dell’auto.

Ed eccoci ad altre due banche, Bper (+3,22%) e Banco Popolare (+2,60%).

Torna a crescere Mediaset (+2,30%) e termina sul massimo di giornata Mediobanca (+2,28%) al quinto rialzo consecutivo.

Cerca di rialzarsi A2A (+2,26%) e cresce con ottimi volumi Ubi Banca (+1,76%).

Ed eccoci ad uno dei due titoli del giorno, si tratta di Buzzi Unicem (MDD: BZU.MDD - notizie) (+1,75%) che stabilisce il nuovo massimo dell’anno avvicinandosi alla quota psicologica dei 10 euro. Per trovare quotazioni come quella odierna occorre tornare al maggio 2011.

, Molto bene anche Enel Green Power (+1,67%) che termina a 1,4 euro tondi tondi.

Detto di Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) (+1,39%) arriviamo al secondo titolo del giorno: Diasorin (+1,38%) che, non solo stabilisce il massimo dell’anno, ma torna a superare una quota molto importante, quella dei 30 euro.

Non molti i ribassi, fra i quali spicca Telecom (-1,13%), incapace di risollevarsi da quotazioni ridicole.

Qualche presa di beneficio su Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) (-0,66%) ed in calo anche Parmalat (-0,63%) e Saipem (-0,60%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 15.773,00 -5,63% 17:35 CET
Eurostoxx 50 2.680,35 -3,90% 17:47 CET
Ftse 100 5.536,97 -2,39% 17:35 CET
Dax 8.752,87 -2,93% 17:45 CET
Dow Jones 15.589,58 -2,04% 18:02 CET
Nikkei 225 15.713,39 -2,31% 10 feb 07:00 CET
  • BATTI IL MERCATO

    BATTI IL MERCATO

    Segui l'andamento delle quotazioni che ti interessano. Leggi notizie personalizzate e gli aggiornamenti del tuo portafoglio. Altro »

Ultime notizie dai mercati