Borsa italiana: Ftse Mib di nuovo sopra quota 16.000 punti

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AGL.MI7,140,02
BMPS.MI0,250,00
PMI.MI0,680,01
F.MI8,740,14
BZU.MDD14,160,52

Il nostro indice principale torna di nuovo sopra quota 16.000 punti, dopo quelle quattro sedute “da paura” dal 5 al 10 dicembre forse pochi avrebbero scommesso che, in così breve tempo, ci saremmo trovati di nuovo a questi livelli.

La seduta odierna ha visto cambiare l’umore per ben tre volte, dapprima una partenza razzo ci portava, dopo pochi minuti dall’apertura delle contrattazioni, a toccare il massimo di giornata a 16.023 punti, da qui si cominciava a scendere passando in territorio negativo, poi (siamo all’incirca intorno a mezzogiorno) si è tornati a crescere, quindi Wall Street dà l’accelerata decisiva fino al fixing, Ftse Mib (+0,61%) a 16.004,73 punti.

Ancora le Banche Popolari protagoniste, le parole di Draghi rassicurano gli investitori e le voci di possibili fusioni alimentano temi speculativi.

Oggi svetta Banca MPS (Milano: BMPS.MI - notizie) (+6,09%) dopo l’ok (temporaneo) dell’Ue agli aiuti di stato (i Monti Bond) per 3,9 miliardi di euro.

Alle sue spalle fa un “pieno” (minimo in apertura e massimo in chiusura) Fiat (+3,36%) dopo che già nella seduta di venerdì scorso, pur terminando con un ribasso, il titolo aveva chiuso ad un livello superiore rispetto a quello di apertura.

La somma delle quotazioni di Fiat (Milano: F.MI - notizie) e Fiat Ind. (+0,49%) ha superato nuovamente il livello dei 12 euro, niente male se teniamo conto della crisi dell’auto.

Ed eccoci ad altre due banche, Bper (+3,22%) e Banco Popolare (+2,60%).

Torna a crescere Mediaset (+2,30%) e termina sul massimo di giornata Mediobanca (+2,28%) al quinto rialzo consecutivo.

Cerca di rialzarsi A2A (+2,26%) e cresce con ottimi volumi Ubi Banca (+1,76%).

Ed eccoci ad uno dei due titoli del giorno, si tratta di Buzzi Unicem (MDD: BZU.MDD - notizie) (+1,75%) che stabilisce il nuovo massimo dell’anno avvicinandosi alla quota psicologica dei 10 euro. Per trovare quotazioni come quella odierna occorre tornare al maggio 2011.

, Molto bene anche Enel Green Power (+1,67%) che termina a 1,4 euro tondi tondi.

Detto di Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) (+1,39%) arriviamo al secondo titolo del giorno: Diasorin (+1,38%) che, non solo stabilisce il massimo dell’anno, ma torna a superare una quota molto importante, quella dei 30 euro.

Non molti i ribassi, fra i quali spicca Telecom (-1,13%), incapace di risollevarsi da quotazioni ridicole.

Qualche presa di beneficio su Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) (-0,66%) ed in calo anche Parmalat (-0,63%) e Saipem (-0,60%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 24 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 24 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 24 apr 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 24 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 24 apr 22:32 CEST
Nikkei 225 14.507,11 0,71% 04:31 CEST

Ultime notizie dai mercati