Italia Markets open in 3 hrs 19 mins

## Borsa, l'allarme coronavirus scuote i mercati, Milano -2,31%

Voz

Roma, 27 gen. (askanews) - Il crescente allarme sulla diffusione del coronavirus dalla Cina si ripercuote pesantemente sui mercati mondiali in avvio di settimana. Scatta una fuga dal rischio e dai settori più direttamente esposti, con forti cali delle Borse e speculari riposizionamenti su attività ritenute più sicure, come l'oro o i titoli di Stato. Pioggia di vendite sui titoli delle grandi compagnie aeree, in un quadro in cui il gigante asiatico sta procedendo a limitazioni sempre più drastiche ai trasporti interni, mentre si moltiplicano i blocchi ai collegamenti con l'estero.

Il quadro ribassista delle Borse asiatiche è stato solo apparentemente attenuato dal fatto che diversi mercati sono rimasti chiusi per le festività del capodanno lunare, in particolare le piazze cinesi. A Milano l'indice Ftse-Mib ha chiuso lasciando sul terreno il 2,31%. E non è stata la performance peggiore anzi per buona parte della seduta Piazza Affari ha contenuto le perdite grazie al venir meno dei timori sulla tenuta del governo a seguito dell'esito delle elezioni regionali.

Maglia nera a Francoforte che ha chiuso al meno 2,74%,, Parigi meno 2,685, Londra meno 2,29%. A metà seduta a wall Street l'indice Dow Jones cala dell'1,35%, lo S&P 500 segna meno 1,34% e il Nasdaq cede l'1,66%.(Segue)