Italia markets open in 2 hours 9 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.332,84
    +167,25 (+0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.822,68
    -204,29 (-1,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    373,22
    +3,47 (+0,94%)
     
  • HANG SENG

    26.716,97
    +128,77 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Borsa: Le utilities permettono a Piazza Affari di limitare le perdite

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Seduta all’insegna della debolezza per le borse europee che, dopo i recenti guadagni, nella seduta odierna sono tornate a fare i conti con l’andamento dei contagi. “Il pacchetto Next Generation deve diventare operativo senza indugio”, ha detto Christine Lagarde nel corso di una testimonianza davanti al Parlamento europeo. Questo perché “le risorse aggiuntive del pacchetto possono facilitare politiche fiscali espansive, in particolare nei Paesi dell’area con un margine di bilancio limitato”.

L’economia di Eurolandia “sarà toccata severamente dalle conseguenze del rapido aumento dei contagi e dal ripristino delle misure di contenimento, ponendo rischi chiaramente al ribasso”. In occasione del meeting di dicembre la BCE ha già annunciato che revisionerà le misure di stimolo attualmente in vigore.

In questo contesto, il Ftse Mib ha terminato la seduta all’insegna della debolezza (-0,4% a 21.536,24 punti) penalizzato dalle performance registrate tra i titoli del comparto industriale (-2,68% di Prysmian, -1,9% di Leonardo e -2,22% di Pirelli) e dai petroliferi (-1,43% di Eni e -1,51% di Tenaris).

Prese di beneficio per quelle azioni, come Poste Italiane e Mediobanca (-1,54% e -1,46%), che nelle ultime sedute hanno fatto registrare performance importanti. Sul fronte opposto, spiccano i rialzi di Diasorin (+1,59%), FCA (+2,07%, l’assemblea per il via libera al matrimonio con PSA è stata fissata per il 4 gennaio 2021) e BPER (0,64%).

Tra le aziende di pubblica utilità, parità per Terna (+0,03%). La società ha annunciato un aggiornamento al piano industriale: nel 2025 i ricavi di gruppo sono visti in aumento a 3,04 miliardi di euro e l’Ebitda a 2,21 miliardi con una crescita media annua di entrambi gli indicatori di oltre 4 punti percentuali. Per quanto riguarda l’utile netto per azione, il dato è visto a 39 centesimi nel 2021 ed a 49 nel 2025 (crescita media di oltre il 5%).

Decisi acquisti anche su Snam (+1,85%%), che ha siglato un accordo per l’acquisto del 33% di Industrie De Nora, innovatore su scala globale nelle energie sostenibili e nelle tecnologie per il trattamento delle acque. Nel comparto, giornata positiva anche per Enel ed A2A, salite rispettivamente dello 0,52 e dello 0,49 per cento.

Per quanto riguarda i titoli di Stato, segno più per lo spread Btp-Bund a 118 punti base (+1,5%). (In collaborazione con money.it)