Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.999,74
    +39,74 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    13.657,46
    +21,47 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0027 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    26.423,62
    +36,63 (+0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    648,51
    +1,18 (+0,18%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.858,18
    +2,82 (+0,07%)
     

Borsa Milano affonda con Europa su stallo Brexit e variante Covid

·1 minuto per la lettura
L'ingresso alla Borsa di Milano

MILANO, 21 dicembre (Reuters) - Piazza Affari affonda con le altre borse europee, colpite dall'assenza di progressi nelle trattative sulla Brexit e dalla notizia della diffusione di una nuova variante di Covid-19 in Gran Bretagna. L'Italia, come altri Paesi europei, ha bloccato i voli dal Regno Unito ma è già stato registrato un primo caso di variante nel nostro Paese.

"Il mercato reagisce con una discesa violenta, guidata dai bancari", dice un trader.

Tra i titoli in evidenza:

Le banche perdono in media poco meno del 2%, in miglioramento rispetto alla prima reazione in apertura. INTESA SANPAOLO e UNICREDIT cedono rispettivamente il 2,4% e il 2,9%. In Europa è il settore più colpito dalle vendite.

TELECOM ITALIA tratta intorno a -3% dopo una sospensione iniziale a quasi -7%.

Rientra MEDIASET da uno scivolone che l'ha portata a -9%. Il titolo cede ora il 2,7%. In un'intervista al Corriere della Sera l'AD Pier Silvio Berlusconi ha detto il gruppo potrebbe chiudere l'anno con un "utile importante, forse sorprendente" nonostante la crisi del coronavirus e che il gruppo andrà avanti con il progetto di creare un polo della tv commerciale in Europa, con o senza un accordo con il suo secondo principale azionista Vivendi.

Pesanti anche LEONARDO (-4,7%), sensibile alle evoluzioni della vicenda Brexit, e il settore energia segnato dall'indebolimento del greggio. ENI perde il 3,7%, in linea con il comparto europeo.

DIASORIN è tra i pochi titoli positivi. Il gruppo di diagnostica sale dell'1,4%.

(Claudia Cristoferi, in redazione a Milano Sabina Suzzi)