Italia markets open in 51 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1936
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • BTC-EUR

    14.985,38
    -102,19 (-0,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    348,54
    -21,98 (-5,93%)
     
  • HANG SENG

    26.745,54
    +75,79 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Borsa: Milano ancora in rosso, pesano le banche

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Nuova seduta all’insegna della debolezza per le borse europee, sempre alle prese con la pandemia e con le conseguenze economiche delle misure di contenimento. A livello settoriale, perdite particolarmente forti sono state registrate tra i titoli del comparto energetico, tra quelli legati alle risorse di base e nel comparto automotive.

Sul Ftse Mib, che ha terminato in rosso dell’1,53% a 18.654,95 punti, spicca la debolezza di un comparto bancario che non è stato in grado di capitalizzare le indicazioni arrivate dai numeri trimestrali migliori delle stime di Santander e Hsbc. Come nel caso di Barclays, gli accantonamenti per fronteggiare il Covid sono risultati inferiori alle stime, spingendo l’ottimismo sull’impatto della pandemia.

Sul listino milanese, Unicredit ha terminato con un -3,94%, Intesa Sanpaolo ha chiuso con un 2,38%, BPER ha segnato un -6,25% e Mediobanca, nel giorno dei conti, è scesa del 2,63%.

Nel primo trimestre dell’esercizio 20/21, Piazzetta Cuccia ha registrato un utile netto di 200 milioni di euro, -26,1% rispetto a 12 mesi prima a causa del minore apporto da parte di Assicurazioni Generali (45 milioni contro 135,5 milioni lo scorso anno e 54,8 milioni nell’ultimo trimestre), impattato da componenti non ricorrenti. Il titolo del Leone di Trieste ha terminato in rosso del -2,02%.

Giornata decisamente negativa anche per il comparto industriale con il -4,2% di Leonardo, il -4,51% di Pirelli ed il -2,36% di Prysmian.

La pubblicazione dei conti ha permesso a Campari di chiudere con un +1,7%. I primi nove mesi dell’anno si sono chiusi con un utile lordo di 190,2 milioni, -22,4% rispetto al pari periodo 2019, ed un fatturato poco mosso a 1,28 miliardi (-1,6%). Tenendo in conto solo il terzo trimestre, l’utile lordo si è attestato a 88,7 milioni (-3,1%) ed il fatturato ha segnato un +12,8%.

Sul mercato obbligazionario, lo spread tra i Btp a 10 anni ed i titoli tedeschi di pari scadenza ha fatto segnare un rialzo di un punto percentuale a 131 punti base. (in collaborazione con money.it)