Italia markets close in 7 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    27.088,39
    -49,59 (-0,18%)
     
  • Dow Jones

    35.719,43
    +492,40 (+1,40%)
     
  • Nasdaq

    15.686,92
    +461,76 (+3,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • Petrolio

    71,73
    -0,32 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    44.754,86
    -1.013,55 (-2,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.313,62
    -7,66 (-0,58%)
     
  • Oro

    1.788,30
    +3,60 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1289
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    4.686,75
    +95,08 (+2,07%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.277,23
    +1,03 (+0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8522
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0435
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4267
    +0,0021 (+0,15%)
     

Borsa Milano annulla ribassi di giornata in finale seduta, tonfo per Banco Bpm e Bper

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari annulla i ribassi nell'ultima seduta del mese di ottobre, appesantita dai bancari in una giornata di forte pressione sui titoli governativi.

Sui mercati pesano i timori legati al balzo dell'inflazione e le aspettative di una stretta monetaria ma anche il riflesso di alcune deludenti trimestrali americane che hanno indebolito Wall Street e soprattutto il settore tecnologico.

Alle 17,10 circa l'indice FTSE Mib segna un lieve calo dello 0,08%. Se l'andamento verrà confermato in chiusura di seduta, il paniere delle blue chip milanese avrà archiviato il mese di ottobre con un guadagno del 4,5%, migliore performance mensile da sei mesi.

Tra i titoli in evidenza:

Lettera sui bancari penalizzati dal balzo dello spread con l'indice sul settore italiano in calo dello 0,7%, a fronte di uno Stoxx europeo leggermente positivo.

Bersagliate dalle vendite Banco Bpm e Bper, che scivolano di circa il 7% sul minor appeal speculativo derivante dalle possibili modifiche alle norme sugli incentivi alle fusioni e che penalizzerebbe i due gruppi da tempo al centro dell'attenzione del mercato per potenziali operazioni di M&A

In controtendenza Carige sale dell'1,8% in quanto il cambiamento delle norme sulle Dta, con la riduzione del tetto dell'ammontare utilizzabile ad un massimo di 500 milioni, lascerebbe l'istituto genovese l'unica candidata ad una fusione sfruttando a pieno i benefici.

Seduta sugli scudi per Eni (+2,2%), premiata per i risultati sopra le attese e il miglioramento della guidance. Proseguono invece le vendite su Saipem (-2%) dopo la giornata pesante ieri per la deludente trimestrale

Exor sale di oltre l'1% sotto i massimi di seduta dopo l'accordo preliminare con Covèa per la vendita del gruppo delle riassicurazioni PartnerRe alla cifra di 7,7 miliardi di euro

Telecom Italia cede oltre il 3% in scia alle pesanti perdite della vigilia alla luce del nuovo taglio della guidance. Corregge Stm (-1%) che risente della debolezza del settore tech.

Sempre sul fronte delle trimestrali Piaggio scivola di oltre il 7% dopo che la società ha sottolineato la complessità dell'outlook a causa dell'aumento dei costi delle materie prime e dei problemi sugli approvvigionamenti

(Andrea Mandalà, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli