Italia markets open in 4 hours 52 minutes
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.574,20
    -579,63 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    0,9663
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    19.563,67
    -213,96 (-1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    433,75
    -10,78 (-2,43%)
     
  • HANG SENG

    17.950,45
    +17,18 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     

Borsa Milano, avvio contrastato, bene banche ma continua calo Mps, giù Cucinelli

Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Dopo una partenza in leggero rialzo, Piazza Affari annulla i primi modesti guadagni e si porta sulla parità nell'ultima seduta del mese, in linea con l'andamento delle altre borse europee.

Il clima sui mercati resta sempre condizionato dalle incertezze sul fronte della crisi energetica e dai crescenti rischi di recessione in un contesto di politica monetaria restrittiva.

Qualche nuova indicazione potrebbe arrivare dai dati sull'inflazione nella zone euro.

I movimenti sul listino stamani risentono degli aggiustamenti di portafoglio di fine mese da parte degli investitori.

Intorno alle 9,55 l'indice FTSE Mib guadagna un marginale 0,06%

Tra i titoli in evidenza:

Bancari in evidenza con Unicredit in testa al FTSE Mib a +2,8% dopo il via libera della Bce alla seconda tranche del programma di buyback fino a 1 miliardo di euro. Flussi in acquisto anche su Bper (+2%) e Banco Bpm (+1%), mentre al contrario non si arresta la discesa di Mps, in calo di oltre 5%, sempre penalizzato dall'incertezza attorno al prossimo aumento di capitale iperdiluitivo da 2,5 miliardi.

Deboli i petroliferi ma senza scossoni. Saipem cede lo 0,6% senza risentire in modo particolare della notizia delle dimissioni, con effetto immediato, dell'AD Francesco Caio e della nomina del nuovo amministratore delegato Alessandro Puliti. Eni < ENI.MI> perde lo 0,1%.

Nel lusso Cucinelli, volatile, è in forte ribasso del 5,1% nonostante i buoni risultati pubblicati ieri e la conferma dell'outlook.

(Andrea Mandalà, editing Francesca Piscioneri)