Italia markets open in 3 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    26.863,33
    -138,19 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,0675
    -0,0022 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    27.433,68
    -992,06 (-3,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    656,13
    -18,74 (-2,78%)
     
  • HANG SENG

    20.178,18
    -291,88 (-1,43%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

Borsa Milano in calo con Europa debole, ancora pressione su Tim, giù Prysmian, bene lusso

·2 minuto per la lettura
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio in ribasso a Piazza Affari, insieme alle altre borse europee, in scia al calo di Wall Street ieri e delle deboli performance dei listini asiatici stamani.

Sui mercati continua a prevalere un sentiment negativo per la delusione dei risultati trimestrali Usa, soprattutto tra i bancari, e delle aspettative su rialzi dei tassi statunitensi da parte della Fed più velocemente del previsto a causa delle pressioni inflazionistiche.

Intorno alle 9,50 l'indice FTSE Mib è in calo dello 0,67%.

Tra i titoli in evidenza:

Prysmian perde il 2,5% in scia alle ispezioni effettuate dall'antitrust tedesco su alcuni siti del gruppo in Germania per accertare un possibile coordinamento per la determinazione del sovrapprezzo metalli applicato come standard dall'industria in Germania.

Ancora pesante Telecom Italia, che scivola del 4,5% in un mercato che vede allontanarsi le prospettive di un'Opa da parte di Kkr, mentre la società sta mettendo a punto il proprio piano industriale le cui linee guida sono state illustrate ieri dal DG Pietro Labriola ai consiglieri.

Tra i peggiori del FTSE Mib Recordati in calo del 3% e Amplifon del 3,7%.

Debolezza sui bancari con lo spread in rialzo in area 143 punti e con le poco incoraggianti notizie che arrivano sul fronte delle trimestrali americane del settore.

Sempre sul fronte dei finanziari Generali cede l'1% circa mentre prosegue lo scontro interno sulla governance. In attesa di nuovi sviluppi, Citigroup ha tagliato il giudizio sulla compagnia triestina a "neutral" da "buy" con target price ridotto a 19,8 da 21,2 euro.

Ben intonata Buzzi Unicem (+1,9%) con Barclays che ha alzato il target price a 23 euro dal precedente obiettivo di 22 euro. Prosegue il trend ascendente TENARIS in progresso di quasi un punto percentuale.

Spunti positivi nel lusso che accoglie le forti vendite riportate da Richemont e Burberry. A Milano Moncler sale del 2% e Cucinelli dello 0,8%, anche se Ferragamo cede 0,7% e Tod's è poco mossa.

(Andrea Mandalà, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli