Italia markets close in 4 hours 38 minutes
  • FTSE MIB

    24.526,48
    +461,43 (+1,92%)
     
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,69
    +0,48 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    28.616,37
    +875,04 (+3,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    675,97
    +23,73 (+3,64%)
     
  • Oro

    1.842,70
    +1,50 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,0590
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.701,38
    +60,83 (+1,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8482
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0276
    -0,0018 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,3529
    -0,0039 (-0,29%)
     

Borsa Milano in calo con Europa su Fed, bene Stm dopo conti, banche in recupero

·1 minuto per la lettura
Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Inizio di seduta in calo a Piazza Affari, in tono con la debole apertura delle altre piazze europee, all'indomani del meeting Fed che ha aperto a un rialzo dei tassi a marzo segnalando una sostenuta politica restrittiva per controllare l'inflazione.

Dopo il movimento di recupero di ieri, i listini continentali risentono della brusca inversione di tendenza, in negativo, registrata ieri a Wall Street nel finire di seduta.

Il mercato è intimorito dall'atteggiamento 'hawkish' della Fed in quella che il presidente Powell ha definito una battaglia serrata contro l'inflazione, con gli investitori che ora iniziano a scommettere su cinque rialzi dei tassi nel 2022 dai quattro precedenti al meeting.

Intorno alle 9,50 il FTSE Mib è in calo dello 0,4%, i recupero dalle maggiori perdite dell'avvio

Tra i titoli in evidenza:

In controtendenza con il comparto dei chip europeo, STM, tra i pochi titoli in terreno positivo sul FTSE Mib, sale dell'1,6% dopo i risultati del quarto trimestre sopra le attese.

Stellantis poco mossa dopo l'annuncio sulle intenzioni di aumentare la partecipazione azionaria nella joint venture con Gac Group in Cina dal 50% al 75%.

Tra ribassi diffusi in tutti i settori, i bancari cercano di recuperare terreno dopo i primi cali, mentre l'automotive resta debole.

Telecom Italia cede l'1,5% dopo che il Cda ha deciso di affidare all'Ad Pietro Labriola il mandato ad esplorare possibili opzioni strategiche per gli asset infrastrutturali del gruppo, in vista del piano da approvare il 2 marzo.

Generali poco sotto la parità dopo gli accordi annunciati stamani per diventare azionista di maggioranza nelle proprie joint venture in India, nei segmenti Vita e Danni.

(Andrea Mandalà, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli