Italia markets open in 6 hours 16 minutes
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.503,77
    -181,70 (-0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,0734
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    21.738,45
    +303,37 (+1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    538,70
    +12,75 (+2,42%)
     
  • HANG SENG

    21.283,90
    -14,80 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     

Borsa Milano in calo su realizzi dopo recenti rialzi, giù Snam con energia, bene Tim

Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari è in calo appesantita da prese di profitto dopo sei sedute consecutive di guadagni.

La seduta risente di un clima meno propenso al rischio dopo che ieri una serie di dati macro Usa inferiori alle attese, se da un lato hanno confermato segnali di raffreddamento sul fronte inflazione, dall'altro hanno riacceso i timori di un rallentamento dell'economia globale.

Il mercato attende nuove indicazioni dalla stagione delle trimestrali Usa, mentre sul versante macro e politica monetaria l’attenzione si concentrerà sul discorso che la Presidente della Bce Lagarde terrà al World economic Forum di Davos.

Intorno alle 10,30 l'indice Ftse Mib è in calo dello 0,8% con volumi attorno sotto mezzo miliardo di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Snam in calo del 2,4% dopo l'annuncio del piano industriale che non ha entusiasmato il mercato, in una giornata di vendite generalizzate sul settore energetico e in attesa di maggiori indicazioni dalla presentazione del piano agli analisti.

Nel resto del settore energetico Tenaris perde oltre il 3%, Saipem il 2,2% e Eni l'1,2%. Su quest'ultima JP Morgan ha tagliato il giudizio a 'Neutral', mentre Credit Suisse ha avviato la copertura con la raccomandazione di 'Outperform' e prezzo obiettivo a 20 euro.

Tonica Telecom Italia, in testa al FTSE Mib con +1,4%. Alcuni broker citano le stampa sull'andamento del debito a fine anno che offrono indicazioni "confortanti" e leggermente migliori delle attese.

Acquisti anche sugli industriali, come Iveco e Leonardo.

Modesti rialzi per Banco BPM e Bper in un contesto di bancari deboli.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)