Italia markets close in 4 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    24.414,39
    -26,49 (-0,11%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,23
    +1,99 (+2,58%)
     
  • BTC-EUR

    15.914,07
    +174,35 (+1,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,31
    +10,02 (+2,63%)
     
  • Oro

    1.768,10
    +12,80 (+0,73%)
     
  • EUR/USD

    1,0379
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,85
    +7,34 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9850
    +0,0037 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,3946
    -0,0003 (-0,02%)
     

Borsa Milano in cauto rialzo, digerisce trimestrali, vola Pirelli, crollano Mps, Leonardo

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari su muove in cauto rialzo, con gli investitori che stanno digerendo le varie trimestrali, mentre il mercato risente del ribasso di Enel che zavorra l'indice della borsa di Milano rispetto all'andamento degli altri mercati europei.

A livello generale, oggi, le borse risentono in positivodella chiusura forte dei mercati asiatici grazie all'allentamento delle restrizioni anti Covid in Cina.

Intorno alle 10,35 il FTSE Mib guadagna lo 0,55%.

Tra i titoli in evidenza:

Su tutti svetta PIRELLI con un balzo del 6,2%, premiata dal mercato dopo la trimestrale sopra le attese e il miglioramento della guidance sui ricavi per l'anno.

Sul fronte opposto ENEL che arretra dell'1,6% dopo la revisione al ribasso della guidance sull'utile netto 2022. Un trader sottolinea che i risultati hanno deluso il mercato per quanto riguarda il dato del debito.

Generalmente sottotono le altre utility, a partire da IREN che arretra del 4,4% dopo i nove mesi ieri in linea con le attese.

Forte ribasso per LEONARDO (-7,6%) dopo risultati trimestrali in linea con le attese e il miglioramento della guidance sopra le attese. Un trader parla di classico effetto di "sell on news". Da inizio anno, a seguito anche del conflitto in corso in Ucraina, le azioni sono in crescita di oltre il 20% in scia del balzo dei titoli della difesa a livello globale ed è quindi è vittima di prese di beneficio.

Nel comparto bancario, crolla MPS (-18%) a 1,5 euro dopo la conclusione dell'aumento di capitale che ha visto sottoscrizioni pari al 96,3%, a seguito di forti vendite da parte degli investitori che si stanno liberando dei titoli. UNICREDIT segna un rialzo dello 0,4%, mentre INTESA SP cresce dello 0,5% in attesa dei risultati oggi.

In spolvero il lusso, grazie anche alle voci di m&a che vedono un interesse da parte di Gucci verso il marco Tom Ford. MONCLER balza del 4%, FERRAGAMO in salita del 3,5%, TOD'S (+2,2%).

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)